ACCESSIBILITA’ SPIAGGE PESCARA: CONSEGNATA UNA “CARROZZINA EMPATICA” PER IL SINDACO MASCI

12 Agosto 2021 12:44

Pescara: Cronaca

PESCARA – “Abbiamo preparato una carrozzina per il Sindaco di Pescara Carlo Masci, così proverà ad usufruire della spiaggia e del mare e potrà “riscontrare e verificare senza tema di smentita la  nostra gratuita insinuazione”. Forse seduto in carrozzina cambierà idea e non definirà più l’ecospiaggia “gioiello d’inclusione” di cui Pescara e la sua cittadinanza possono andare fiere”. Questa spiaggia infatti non ha nemmeno i requisiti minimi per considerarla accessibile”.

Così Claudio Ferrante, presidente dell’associazione Carrozzine determinate.

Ferrante spiega che l’ecospiaggia, “non ha parcheggi riservati, i bagni non sono a norma, assenza totale di postazioni ombreggiate specifiche per lo stazionamento delle carrozzine, così come è impossibile accedere in acqua! Nessun gioco né accessibile né inclusivo! Quella struttura esteticamente è molto bella, ma manca di copertura adeguata e non è possibile chiuderla; quando pioverà sarà impossibile salvaguardare le attrezzature che sono utilizzate dai ragazzi del bar che, con professionalità e sensibilità, svolgono un lavoro eccellente!”

“Proviamo solo rammarico per quello che sarebbe potuto essere e non è stato, rabbia per essere presi in giro e per il  tantissimo denaro pubblico stanziato e cofinanziato dai privati sperperato in quel modo. Altro che grande Pescara! Per questo aspetto oseremmo dire “Grande Montesilvano”! Se Il sindaco di Pescara avesse avuto un pochino di umiltà, avrebbe potuto “copiare” le spiagge pubbliche di Montesilvano giudicate dal ministro per la disabilità Erika Stefani “un prototipo da seguire, un modello per l’Italia, un vero esempio di turismo accessibile,” dichiarandosi anche orgogliosa del progetto “mare senza barriere”! Sarebbe interessante anche fare un confronto del denaro speso per queste spiagge tra le due città!”, prosegue Ferrante.

“Il Sindaco di Pescara, invece di chiedere scusa e di spiegare il motivo per il quale la Città di Pescara ha un triste primato quello di non avere una sola spiaggia pubblica accessibile, si scaglia contro la nostra associazione che con coraggio e senso di responsabilità e, come avrebbe dovuto fare chiunque, ha denunciato questa opera pubblica fuori legge specificando tecnicamente le criticità per adottare soluzioni per fare diventare questa  “for all”, davvero per tutti! Ora, al sindaco Carlo Masci, offriamo un’altra possibilità quella di sperimentare empaticamente con la carrozzina l’ecospiaggia, così la smetterà di definirla gioiello d’inclusione e apporterà le modifiche necessarie per abbattere le barriere architettoniche esistenti! Se non accadrà vigileremo per garantire a tutti la possibilità di usufruire del nostro splendido mare!”, conclude la nota.

 

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: