“ADDETTI AMAZON SAN SALVO SENZA MEZZI PUBBLICI”, LA DENUNCIA DELLA FILT-CGIL ABRUZZO E MOLISE

7 Agosto 2022 17:37

Chieti - Lavoro

SAN SALVO – I 460 addetti del nuovo polo logistico “Amazon” a San Salvo (Chieti) provenienti da Abruzzo e Molise sono senza mezzi pubblici, quindi costretti a utilizzare unicamente i propri mezzi per raggiungere il posto di lavoro. Lo denuncia la Cgil con la Filt-Cgil Abruzzo e Molise.

“Dal 1° agosto è pienamente operativo il centro di distribuzione Amazon dove prestano servizio, al momento, 460 addetti provenienti in gran parte da Abruzzo e Molise, oltre a lavoratori che arrivano da regioni non proprio confinanti e per i quali sussiste il problema di trovare alloggi in affitto, specie in questo periodo estivo sia dalle parti di San Salvo e Vasto sia nel vicino Molise – dichiarano i sindacalisti Franco Ranieri e Carmine Ronaldo – Tuttavia, in questi primi giorni di attività sta emergendo un problema importante comune a tutti gli attuali addetti del nuovo polo logistico e che attiene la grave assenza di trasporto pubblico necessario a soddisfare gli spostamenti casa-lavoro delle maestranze impiegate h24 nello stabilimento di San Salvo, con turni avvicendati e scaglionati nell’arco di tutta la giornata al pari di quanto accade nei restanti poli industriali/logistici del territorio, dove però le Istituzioni regionali garantiscono da sempre il servizio di trasporto per il cosiddetto ‘pendolarismo operaio'”.

La Cgil Abruzzo e Molise, insieme alla Filt, ha trasmesso una nota ai presidenti della Giunta regionale del Molise e dell’Abruzzo e agli assessori competenti chiedendo espressamente un incontro urgente con l’obiettivo di individuare formule e soluzioni per risolvere i disagi.

“L’assenza di un’adeguata programmazione del servizio di trasporto degli operai – dichiarano Cgil e Filt-Cgil – è illogica se si considera che da tempo è pienamente operativo il trasporto degli operai di fabbriche limitrofe (Pilkington, Denso) dalle quali, attraverso i mezzi pubblici, riescono a muoversi sia dall’Abruzzo che dal Molise. Nell’eventualità che gli orari di ingresso e uscita dei lavoratori del polo Amazon risultassero compatibili con quelli delle fabbriche limitrofe, potrebbe essere sufficiente prolungare il percorso che gli attuali vettori assicurano per garantire il servizio”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: