ADDIO A FRANCO COLISTA, IL RICORDO: ”ATLETA, ORGANIZZATORE E AMICO”

Autore dell'articolo: Dante Capaldi *

24 Giugno 2017 20:31

L’AQUILA – Per ricordare la figura di Franco Colista, funzionario pubblico e dirigente sportivo aquilano scomparso oggi a 80 anni, AbruzzoWeb ha chiesto e ottenuto al giornalista Dante Capaldi di pubblicare il ricordo che quest’ultimo gli ha dedicato su Facebook.

Un doveroso omaggio a una figura basilare dello sport cittadino ma poco nota alle giovani generazioni e al mondo digitale.

I funerali si svolgeranno domani alle 15.30 presso la Basilica di San Bernardino.

Le condoglianze della redazione di AbruzzoWeb alla moglie Marisa, e alle figlie Claudia e Silvia.

Ripensavo a un altro caro e fraterno amico che stamattina alle 5 ci ha lasciati: Franco Colista. Una terribile malattia lo ha sottratto all’affetto della sua famiglia e della moglie prof.ssa Marisa Massari, alla quale inviamo le più commosse condoglianze.

Con Franco abbiamo condiviso tanti momenti sportivi all’Oratoriana dei Salesiani di Don Fabbrizi.

Atleta possente, già campione regionale di lancio del peso, e difensore tetragono con l’Oratoriana mitica dei Petrilli, Di Muzio, Anteo, Cerqua, Costantini, De Nuntiis (Tanà), Miliani e tanti altri.





Franco fu il promotore e realizzatore del Torneo dedicato a Italo Acconcia che conosceva molto bene e ha curato tutte le pubblicazioni in suo onore.

Con il fratello Fabio, ottimo calciatore anche lui tifoso del Torino, venivano in estate a San Cesidio il 31 agosto a rinforzare la squadra del mio paese, Goriano Valli, ovvero la Vallese, con Petrilli e altri rossoblù aquilani dell’epoca per incontrare il grintoso Castelvecchio dove giocava, in estate, Italo Acconcia, già della Roma, Fiorentina, Modena eccetera.

Oltre all’aspetto sportivo vogliamo, ricordare Franco Colista come un ottimo dirigente della Prefettura dell’Aquila e braccio destro di numerosi prefetti del passato.

Ha svolto tante missioni ed è stato nominato anche commissario in tanti Comuni della vallata subequana che conosceva molto bene, essendo le sue radici di San Lorenzo di Beffi.

Addio caro Franco, ti porteremo sempre nel cuore e ti ricorderemo per la tua generosità e disponibilità.

Una persona affabile che considerava sacra l’amicizia.

* giornalista

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!