ADSU L’AQUILA, PIETRUCCI: “SUBITO COMMISSIONE VIGILANZA REGIONALE”

5 Ottobre 2022 15:18

L'Aquila - Politica, Scuola e Università

L’AQUILA – “Sulla vertenza dell’Azienda per il Diritto agli Studi Universitari dell’Aquila ho richiesto formalmente al presidente Pietro Smargiassi – e con il carattere dell’urgenza che la tematica richiede – la convocazione della Commissione di Vigilanza e Controllo del Consiglio regionale”.

Ad annunciarlo, in una nota, il consigliere regionale Pd Pierpaolo Pietrucci che aggiunge: “Le lavoratrici e i lavoratori dell’Adsu meritano di avere una certezza tanto nel percorso di riassorbimento lavorativo quanto nella puntuale verifica di quanto successo nelle ultime ore. Al contempo, gli studenti universitari hanno diritto a veder riconosciute qualità, adeguatezza e celerità nei servizi previsti per loro dalla Legge”.

“Allo stato attuale e nonostante gli accordi precedentemente assunti anche nella Conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale – osserva -, 19 lavoratori sono stati licenziati dall’azienda uscente e non sono stati riassorbiti dalla Europol Vigilanza srl, contravvenendo alla clausola sociale inserita nell’art. 7 del capitolato di gara pubblicato e violando il verbale di accordo sottoscritto”.

“Ci troviamo di fronte ad una problematica non solo politica, ma anche amministrativa tra l’indirizzo dato e l’azione intrapresa oltre che a una mancanza di dialogo e di rispetto istituzionale tra l’amministratrice Morgante e il direttore dell’Adsu. Ho pertanto richiesto l’audizione in Commissione non solo dei vertici ADSU e della Società subentrante, ma anche dei sindacati, dei rappresentanti UDU e dell’assessore alle politiche sociali del Comune dell’Aquila”.

“La politica deve recuperare la dimensione giusta a partire dalla parola ‘programmazione’ scomparsa ormai dai radar di questa amministrazione regionale a guida Marsilio e dal recupero di una visione dei servizi, tra i quali non si può prescindere dal diritto al lavoro e da quello allo studio”, conclude Pietrucci.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: