ADSU L’AQUILA: PUBBLICATO BANDO PER BORSE DI STUDIO PER L’ANNO ACCADEMICO 2022- 2023

SCADENZA 19 SETTEMBRE. PRESIDENTE MORGANTE: GRAZIE AL LAVORO E ALLA SENSIBILITÀ DELLA REGIONE E ALLA SINERGIA TRA I NOSTRI ENTI, SARANNO COPERTE TUTTE LE ISTANZE CON I FONDI COMUNITARI E DEL PNRR

5 Agosto 2022 13:33

L'Aquila - Politica

L’AQUILA – L’Azienda per il Diritto agli Studi Universitari (Adsu) dell’Aquila ha pubblicato ieri il
bando per le borse di studio per l’anno scolastico 2022-2023 riservato ai giovani in possesso dei
requisiti previsti dalla legge, iscritti all’Università dell’Aquila, all’Accademia di Belle Arti di
L’Aquila e al Conservatorio di L’Aquila: la scadenza è stata fissata per il prossimo 19 settembre.

Lo rende noto il presidente dell’Adsu, Eliana Morgante. Negli ultimi due anni, l’Azienda ha
coperto le istanze di tutti gli aventi diritto.

La pubblicazione avviene in uno scenario di difficoltà a causa di norme nazionali e quindi
sovraordinate.  Ma il vertice Adsu tranquillizza gli studenti: “Abbiamo lanciato il bando per nuove
borse di studio in una situazione molto difficile rispetto agli anni precedenti a causa di
disposizioni nazionali che ha reso necessario un lavoro straordinario da parte dei nostri uffici –
spiega il presidente Morgante -. Insieme con la Regione e le altre Adsu siamo da tempo al lavoro
per recuperare fondi, trovare soluzioni e dare le migliori risposte ai nostri studenti più
meritevoli e meno abbienti. In questo senso, come ha sottolineato ieri l’assessore regionale
all’Istruzione Pietro Quaresimale, che ringraziamo per l’impegno e la sensibilità, l’Ente regionale
ha previsto la copertura dei fondi mancanti con l’impiego di fondi comunitari e legati al Pnrr. Si
tratta di un segnale importante per i nostri giovani”, spiega ancora Morgante.

Il bando è disponibile sul sito internet dell’Adsu. Le domande dovranno essere inviate in via telematica.

Tra i requisiti per presentare la domanda di borsa di studio, il possesso di un reddito
ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente Universitario), riferito all’anno 2020,
autocertificato non superiore a 24.335,11 euro e di un patrimonio ISPE (Indicatore Situazione
Patrimoniale Equivalente Universitario), riferito all’anno 2020, autocertificato non superiore a
52.902,43 euro.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: