AEREO CADUTO IN ETIOPIA, TRA VITTIME FIGLIA PROF DELL’UNIVERSITA’ DELL’AQUILA CHIMENTI

11 Marzo 2019 09:57

L'AQUILA – C'è la figlia di un professore dell'Università dell'Aquila tra gli otto italiani vittime dell'incidente aereo di ieri in Etiopia.

È Virginia Chimenti, figlia di Claudio, ordinario di Odontostomatologia.

La ragazza lavorava per il World Food Programme dell'Organizzazione delle Nazioni unite (Onu) e, stando a quanto riportato dai media, si stava recando in Africa con una collega per sostenere le popolazioni che vivono nelle baraccopoli in Kenya.

Tra i numerosi messaggi di cordoglio, sono arrivati stamattina quelli della rettrice, Paola Inverardi, e del sindaco Pierluigi Biondi.






“L’Università tutta si stringe nel dolore della scomparsa nell’incidente aereo in Etiopia di Virginia Chimenti, figlia del Prof. Claudio Chimenti docente nella nostra università – scrive la rettrice – . Virginia Chimenti da sempre impegnata nel volontariato e interessata all'Africa e al suo sviluppo economico e sociale, dopo la maturità scientifica al liceo romano Amedeo Avogadro e la laurea a Milano e un master in Studi africani e orientali a Londra, Virginia aveva lavorato nella sede milanese di Alice for Children, per poi occuparsi del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo”.

“Poliglotta, conosceva perfettamente inglese, francese e spagnolo, da 2 anni era entrata nell'agenzia del Wfp delle Nazioni Unite, con sede a Roma, dove si occupava dei budget per i servizi logistici – continua il messaggio dell'Ateneo – . La rettrice Paola Inverardi a nome di tutto l’Ateneo esprime la sua vicinanza e dolore alla mamma Daniela e al papà Claudio”.

“La città dell’Aquila si stringe attorno al dolore del professor Claudio Chimenti e dei suoi famigliari per la tragica e prematura perdita dell’amata figlia Virginia e di tutte i parenti delle vittime coinvolte nell’incidente aereo in Etiopia”, ha scritto Biondi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!