AGENTE INVESTITO A SCOPPITO: PIRATA DELLA STRADA GUIDAVA SOTTO EFFETTO DI DROGA E ALCOL

24 Agosto 2022 17:24

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA – Era sotto l’effetto di cocaina, oppiacei ed alcol il 38enne aquilano, Roberto Maurizi, che ieri sera intorno alle 22 a Scoppito ha investito ed ucciso Giuseppe Colaiuada, assistente capo della Polizia Penitenziaria di 54 anni.

Lo hanno stabilito gli accertamenti effettuati sul giovane che è in carcere con l’accusa di omicidio stradale ed omissione di soccorso nell’ambito della inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica dell’Aquila e condotta dai carabinieri guidati dal capitano Michele Massaro.





Sulla vittima il Pm ha disposto l’autopsia che dovrebbe essere effettuata domani.

L’investitore si è reso già responsabile in passato del reato di guida in stato di ebrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Il 54enne sarebbe stato colpito frontalmente mentre passeggiava con il suo cane sul ciglio della strada nei pressi della sua abitazione nel comune dell’Aquilano.





A dare l’allarme ai carabinieri probabilmente alcune persone che non hanno visto l’impatto ma sentito il forte rumore: Colaiuda è morto sul colpo.

Il giovane si è dato alla fuga, i carabinieri dopo aver rivenuto sul luogo pezzi dello specchietto, scoperto il tipo di macchina e verificato negli ambienti dei consumatori di sostanze stupefacenti, lo hanno rintracciato nella sua abitazione intento a cercare di rimettere a posto l’auto che ha riportato danni importanti.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: