ALLA CORTE DI MARGHERITA: PRESENTATO ALLA NECROPOLI DI FOSSA LIBRO GIORNALISTA PELLICCIONE

31 Luglio 2022 13:03

L'Aquila - Cronaca, Cultura

L’AQUILA – Un sapiente connubio tra arte, storia e cultura nella presentazione di ieri, nel parco archeologico della Necropoli di Fossa, dell’ultimo libro della giornalista, scrittrice e saggista Monica Pelliccione, “Alla corte di Margherita” (Daimon Edizioni). Il numeroso pubblico presente all’incontro, organizzato dalla Sovrintendenza ai Beni culturali e archeologici di Teramo e dell’Aquila e dal Comune di Fossa nello scenario suggestivo di uno dei siti archeologici più belli d’Abruzzo, ha avuto modo di apprezzare una narrazione inedita della Duchessa “Margarita”, governatrice dell’Aquila nella seconda metà del Cinquecento, e del suo legame con la città.

All’incontro, che ha visto la partecipazione oltre all’autrice, del professor Erminio Maria Cavalli, docente di Lettere e critico letterario, hanno preso parte l’editore, Alessandra Prospero e il vice sindaco di Fossa, Giovanna Colagrande.

Letture dei brani a cura di Rosanna Narducci, attrice e regista. E’ stata ripercorsa la storia della duchessa d’Austria, con particolare riferimento al legame con L’Aquila dove, dopo il suo arrivo, il 16 dicembre 1572, nominata dal fratello Filippo II Governatrice della città, soggiornò nel palazzo che prese il suo nome, palazzo Margherita, per decenni sede municipale.

Il dibattito ha preso spunto dall’excursus storico, che parte da messer Buccio di Ranallo, primo cantore della “civitas nova”, la città-territorio, dalla fondazione alla rifondazione, guelfi e ghibellini, gli angioini e a seguire i francesi e gli aragonesi, i Quarti cittadini, Piazza Duomo come demarcazione dei poteri e spazio temporale. E ancora, il fiorente cinquecento aquilano, in un affascinante caleidoscopio di culture e stili dissimili che si fondono, alla corte di Margherita, per arrivare ai nostri giorni e alle opportunità culturali e di sviluppo turistico legate alla figura di Margherita, emblema del Cinquecento europeo, non solo italiano.

Il nuovo libro della Pelliccione vuol essere un omaggio letterario alla Duchessa D’Austria, a 500 anni dalla sua nascita, e al legame con una città, L’Aquila, che l’ha vista governatrice e promotrice di cultura e sviluppo.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: