AMATRICE: MUORE SINDACO ANTONIO FONTANELLA, LEGNINI, “RICOSTRUZIONE NEL SUO SEGNO”

25 Marzo 2021 16:45

Italia: Cronaca

AMATRICE – Lutto ad Amatrice per la morte del sindaco Antonio Fontanella. La notizia della sua scomparsa è arrivata nella mattinata di oggi, giovedì 25 marzo, a poche ore dal decesso e ha scosso il centro reatino, dove si è diffusa rapidamente. Da quanto si apprende il primo cittadino, settant’anni, è morto a seguito di un’ischemia. Ha accusato un malore il 20 marzo scorso ed è stato rinvenuto all’interno della sua abitazione privo di sensi. Arrivata la chiamata d’emergenza, è stato trasportato al pronto soccorso con l’eliambulanza, data la gravità del suo stato.

Tra i tanti messaggi di cordoglio, quello del commissario alla ricotruzione post sisma 2016, Giovanni Legnini.

“Con Antonio Fontanella, sindaco di Amatrice – scrive Legnini -, il comune più distrutto dal terribile terremoto del 2016, che lì causò oltre 200 vittime, se ne va oggi uno dei grandi protagonisti di una ricostruzione molto complessa e sfibrante, alla quale ha sempre dedicato tutte le sue energie. Avevamo appena definito insieme alla Regione e ai cittadini, in una lunga e partecipata riunione di qualche giorno fa, i contenuti del Programma straordinario per la rinascita della Città”.

“L’appuntamento per la sua approvazione era fissato per il Consiglio Comunale di sabato. Antonio, con il quale dall’inizio si è stabilito un rapporto di stima, collaborazione e poi di amicizia, già immaginava insieme a tutti noi l’imminente apertura dei cantieri nel centro storico. Sarà così Sindaco. Grazie per il tuo impegno, che sia di esempio a tutti gli amministratori di queste terre martoriate. Alla sua famiglia, all’amministrazione comunale e ai cittadini di Amatrice rivolgo, a nome mio e di tutti i componenti della struttura commissariale, i più sentiti sentimenti di profondo cordoglio”, conclude Legnini.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: