AREE INTERNE: IL MANAGER ASL AI SINDACI DEL CHIETINO, “INVESTIMENTI CONTRO LA DESERTIFICAZIONE”

29 Gennaio 2024 09:41

Chieti - Sanità

CHIETI – Un milione: tanto è l’investimento complessivo sul Distretto di Villa Santa Maria tra Pnrr, acquisto del nuovo telecomandato per radiologia tradizionale e fondi Asl per l’efficientamento energetico. Lo ha ufficializzato il Direttore generale dell’Azienda sanitaria Thomas Schael nel corso dell’incontro con il Sindaco Giuseppe Finamore e altri rappresentanti dei Comuni vicini,  tutti nel chietino, durante il quale è stato indicato marzo come mese di svolta: partono i lavori per la Casa di Comunità ed entra in funzione la Centrale Operativa Territoriale a Casoli, lo snodo per la presa in carico e la gestione dei bisogni socio-sanitari.

Si tratta di interventi fondamentali per l’assistenza territoriale, che comporterà una riallocazione temporanea delle attività, senza che questo comporti disagi per gli utenti, visto che il Distretto di Villa dispone di ampi spazi.





Nel corso dell’incontro è stato fatto il punto anche sulla specialistica ambulatoriale nel Medio Sangro, con le ore attribuite e attive: cardiologia, diabetologia, endocrinologia, neurologia, psicologia, oculistica, ortopedia, otorino e urologia a Villa, mentre non sono state attribuite per assenza di domande dei professionisti quelle di dermatologia, ginecologia, neurologia e psichiatria, che vengono erogate al Pta di Atessa insieme alla Neuropsichiatria infantile. Sempre a marzo, comunque, è prevista una nuova pubblicazione delle ore di specialistica, per cui potrebbero riaccendersi le speranze di ampliamento dell’offerta con quelle ancora mancanti.

Ma con la Casa della salute mobile, già operativa nell’Alto Vastese, che nelle prossime settimane raggiungerà anche il comuni del Medio Sangro, sarà possibile portare nei territori prestazioni erogate gratuitamente e senza prenotazione: il truck approderà in queste terre a partire dalla metà di febbraio, con le prime tappe ad Archi e Perano, per proseguire, poi, a marzo nell’altro versante, partendo da Montebello, Montelapiano e Pennadomo.





“Le Aree interne sono oggetto di attenzione costante da parte di questa Direzione – ha tenuto a precisare Schael ai Sindaci – che ne ha ben presenti i problemi e il rischio di desertificazione, che da parte nostra vogliamo arginare e contrastare. Proprio per questo investiamo risorse sull’infermiere di comunità che diventa centrale nella nuova organizzazione,  sicuramente diversa dal passato ma in linea con le esperienze più efficaci sperimentate in altre regioni. E’ una scelta di equità per le aree più sguarnite, non possiamo abbandonare anziani e fragili”.

Non è mancato, a fine riunione, l’invito del Direttore generale ai Sindaci a favorire, da parte dei cittadini, l’utilizzo del Pronto Soccorso di Atessa, dotato di strumentazione diagnostica totalmente rinnovata e meno affollato di altri presidi: per gli utenti che raggiungono in autonomia l’ospedale, senza far ricorso al 118, rappresenta un’alternativa da prendere in considerazione, perché i tempi delle prestazioni sono più brevi che a Lanciano o Chieti.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: