ASL L’AQUILA: PD, “SCONCERTANTE PROROGA MANAGER ROMANO, PREMIATO PER BUCO DI 46 MILIONI”

19 Giugno 2024 16:38

L'Aquila - Politica, Sanità

L’AQUILA – “Lascia interdetti la decisione del presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, e della sua fedelissima assessora alla Sanità, Nicoletta Verì, di prorogare per un altro anno, fino al 31 maggio 2025, l’incarico di manager della Asl 1 a Ferdinando Romano“.

È quanto si legge in una nota del Pd dell’Aquila che aggiunge: “In questi anni, abbiamo assistito ad una gestione assolutamente disastrosa dell’azienda sanitaria provinciale: le carenze di personale sono oramai croniche, le liste di attesa sono divenute interminabili per i pazienti, con il conseguente aumento della mobilità passiva, cioè del numero di cittadine e cittadini che sono costrette a farsi curare altrove non trovando risposte adeguate dalla Asl 1, a fronte della diminuzione della mobilità attiva”.





“Per non parlare della desertificazione sanitaria delle aree interne e della scellerata decisione del management che persegue, testardamente, il progetto di realizzare la Casa di comunità all’interno dell’Ospedale San Salvatore e non sul territorio. Vogliamo tacere sul modo in cui la Asl 1 ha affrontato l’attacco hacker dei mesi scorsi, con ripercussioni gravissime sulle cittadine e i cittadini”, viene aggiunto.

“A fronte di un disastro conclamato – incalza il Pd -, il manager è stato però premiato con la proroga del contratto che, tra l’altro, arriva con una motivazione sconcertante: il direttore generale resta alla guida dell’azienda per il timore di un possibile rallentamento nell’attuazione del piano di razionalizzazione ordinato dalla Regione a causa del deficit monstre di 46 milioni di euro, fino ad oggi negato, maturato proprio negli anni della gestione Romano”.

“In altre parole: il direttore generale viene premiato per aver generato un buco di bilancio drammatico a fronte di un servizio ai cittadini e alle cittadine assolutamente insufficiente. Soltanto Marsilio e Verì potevano realizzare un tale capolavoro che, apprendiamo oggi, sarebbe maturato senza il coinvolgimento di alcune forze politiche di maggioranza, dentro la filiera romana di Fratelli d’Italia. Invitiamo i consiglieri regionali che, oggi, hanno manifestato il loro sconcerto, di unirsi a noi, in maniera formale, nel pretendere che il manager Romano rassegni immediatamente le sue dimissioni, come chiediamo da tempo”.





“E vorremmo sapere quale è la posizione del comitato ristretto dei sindaci, e del suo presidente Pierluigi Biondi: sono stati informati della decisione di procedere con la proroga, che posizione hanno assunto? Attendiamo risposte”, conclude il Pd.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: