ASSANGE: M5S,  “A PARTE NOI IN ITALIA TUTTI ZITTI, DOVE SONO ALTRE FORZE POLITICHE?”

20 Febbraio 2024 15:44

Italia - Politica

BRUXELLES – “A parte il Movimento 5 Stelle, che oggi sarà presente a Londra con una sua delegazione ad assistere all’audizione” all’Alta Corte di Giustizia del fondatore di Wikileaks Julian Assange, “e al suo leader, Giuseppe Conte, che ieri ha lanciato un appello per il rilascio di Julian, dove sono tutte le altre forze politiche? Il loro silenzio rappresenta un inaccettabile doppio standard”.





Lo dice Sabrina Pignedoli, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“Il caso di Julian Assange – prosegue Pignedoli – rappresenta un indicatore sullo stato di salute della nostra informazione e più in generale della nostra democrazia. È inquietante come dal governo italiano non sia arrivata nessuna dichiarazione, nessun commento, nessuna pressione per il rilascio del fondatore di Wikileaks nel giorno dell’audizione dell’Alta Corte di Giustizia britannica. Se il ricorso venisse negato, Assange rischierebbe una pena negli Stati Uniti fino a 175 anni di carcere”.





“Sarebbe la sua condanna a morte – continua – tutti gli Stati europei devono prendere posizione, sulla scia di quanto fatto dalla relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla tortura. Giustamente tutte le forze politiche sono scese in piazza ieri a Roma, per mostrare la loro solidarietà alle lotte di libertà e giustizia portate avanti da Alexey Navalny”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: