ATESSA: AL VIA INTERVENTI CONSOLIDAMENTO CENTRO STORICO

23 Ottobre 2019 17:10

ATESSA – Al via ad Atessa gli interventi di consolidamento del centro storico. Le opere, di rafforzamento e difesa dalle frane, interessano il costone sottostante via Sant'Antonio e via Rio Falco, zona densamente abitata. 

“Qui – raccontano alcuni residenti – il terreno ha ceduto in più punti e gli smottamenti, circa sei anni fa, hanno persino raggiunto le fondamenta di qualche palazzina, costringendo alcune famiglie ad evacuare, a lasciare le proprie case”.

Adesso i lavori di messa in sicurezza dell'area: “Abbiamo riprogrammato un vecchio progetto – spiega il sindaco Giulio Borrelli – per indirizzarlo su diversi canali di finanziamento. Abbiamo così potuto avviare interventi necessari e indifferibili per proteggere un versante del centro storico. Tre i canali individuati per i finanziamenti: 1) il cantiere in attività rientra nel piano di investimenti regionali della prima annualità 2019; 2) fondi dell'8 per mille; 3) riprogrammazione delle economie di fondi europei PAR-FAS 2007-2013. Questi ultimi due canali prevedono interventi di spesa complessiva di 750 mila euro”. La prima gara se l'è aggiudicata una ditta di Foggia per 341mila euro a fronte di un progetto iniziale di 450 mila.





“Stiamo realizzando – spiega il geologo Donato Fatigato – tre paratie su pali, di cui due doppie, travi e muri di contenimento. Paratie che saranno anche tirantate con perforazioni sub orizzontali. I pali sono 76, di 180 centimetri di diametro ciascuno, adeguatamente armati, che andranno ad una profondità di 15 metri. Poi ci sarà anche un intervento, con canali e pozzetti, per il deflusso delle acqua piovane fino a valle”.

I lavori non riguardano solo il consolidamento della zona. “Oltre a mettere in sicurezza una porzione del centro storico – riprende Borrelli – andremo anche a migliorare via Rio Falco, ampliando parte della strada e creando una piazzuola, che servirà per il parcheggio delle auto”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!