ATRI: SUCCESSO DEL RADUNO DI AUTO D’EPOCA IDEATO DA ACI STORICO E AUTOMOBIL CLUB

21 Agosto 2023 12:28

Teramo - Cultura

TERAMO- Ottimi riscontri dalla tappa abruzzese di Ruote nella Storia che, sabato 19 agosto, si è svolta per il terzo anno di seguito presso la suggestiva cornice di Atri. La città ducale nella provincia di Teramo, considerata tra le più belle e ricche di storia, tradizione e archeologia in tutto l’Abruzzo, ha fatto da meraviglioso sfondo alla manifestazione nata dalla collaborazione attiva tra Aci Storico e Automobile Club d’Italia.





L’evento, spiega Aci, “si è avvalso come sempre della preziosa collaborazione degli Automobile club locali”, che in questa occasione sono stati rappresentati in dall’Ac Teramo presieduto da Carmine Cellinese e diretto da Donato Ciunci. Momento cruciale della giornata anche la storica rievocazione della gara nata nel 1938 e disputatasi fino al 1954: “Il Volante d’Argento”. Gara quest’ultima che vedeva proprio nella tappa di Pineto-Atri uno dei momenti più alti e qualificanti dell’automobilismo sportivo nazionale. I partecipanti alla manifestazione, infatti, hanno preso parte nel pomeriggio a una prova di regolarità con un passaggio sulla vecchia strada comunale dei cappuccini e l’arrivo in Piazza Duomo. “Un connubio perfetto, giunto alla terza edizione, nel quale cerchiamo di coniugare la storia, l’ambiente, la monumentalità di una città come Atri, la città ducale per eccellenza d’Abruzzo, e il motorismo storico”, ha sottolineato il presidente dell’Automobile Club di Teramo, Carmine Cellinese.





“Una terra – ha concluso – dove il motorismo è nato, praticamente 100 anni fa, con la costituzione dell’Automobile Club Abruzzo che diete vita alla Coppa Acerbo, nella provincia di Teramo a Castellammare Adriatico”. Tra i 42 equipaggi presenti anche una 509 utilizzata come auto da corsa da Giovanni Spinozzi, primo Presidente dell’Automobile Club e pilota. Ruote nella Storia torna il prossimo 27 agosto 2023 a Ravenna.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: