BALNEABILITA’, FEBBO: DATI TESTIMONIANO MIGLIORAMENTO, ALLARMISMO INUTILE FORUM H2O

11 Novembre 2019 13:34

PESCARA – “L’intervento del Forum H20 è scontato in parte ed insensato in altri parti e non aggiunge nulla di interessante ai dati pubblicati dall’Arta inerenti il monitoraggio delle acque 2019 e, soprattutto, li posso rassicurare come la programmazione dei lavori sui depuratori è costantemente monitorata dai nostri uffici regionali”. 





Questa la replica dell’assessore regionale al turismo che specifica quanto segue: “La Regione è sempre stata cauta ma sui numeri sviscerati dall'associazione rileviamo molta teoria ingenerando un inutile allarmismo o preoccupazione sulla salute del nostro mare mentre oggi gli stessi dati scientifici elaborati dall’Arta, che vengono effettuati proprio sui punti critici, dimostrano invece eccellente salute delle acque nel 2018 ed ottima anche nel 2019, solo leggermente diverse dovute esplicitamente ai due episodi meteo/climatiche di aprile e settembre. Questo – ribadisce Febbo –non significa certo che bisogna abbassare la guardia ed infatti porteremo avanti il crono programma dei depuratori  per arrivare a migliorare i punti critici e quelli da monitorare. Anzi voglio spiegare all’associazione come per la salute del nostro mare bisogna intervenire, come stiamo facendo, sui depuratori collocati nelle aree interne vicino ai fiumi oltre a quelli sulle città della costa.  Mi spiace – continua Febbo – invece leggere da parte dell’associazione un trattato sui numeri partendo dai dati degli ultimi sei anni che sono oggi imparagonabili ed non hanno un riscontro sulla realtà attuale poiché i fattori che incidono sul monitoraggio sono in continuo cambiamento. Inoltre è altrettanto assurdo e sbagliato paragonare la Regione Abruzzo con quelle delle altre regioni. Un paragone insensato poiché le rilevazioni delle varie agenzie regionali hanno diversi parametri, altri punti di rilievo con altri criteri e quindi incomparabili. Infatti gli esponenti del Forum dovrebbe chiedersi e rispondersi sul come mai quest’anno molte zone della costa romagnola è stata oggetto di divieto di balneazione?? Pertanto – conclude Febbo – la Regione Abruzzo porterà avanti il lavoro avviato ossia il potenziamento e completamento dei depuratori, il monitoraggio delle nostre acque proprio nei punti più critici ed al contempo la promozione della nostra Regione”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!