BALNEARI, CASANOVA (LEGA): “DOCCIA GELATA PER CATEGORIA, GOVERNO FACCIA SENTIRE SUA VOCE”

10 Novembre 2021 15:45

Italia: Politica

ROMA – “La decisione del Consiglio di Stato è una doccia gelata per il comparto turistico balneare italiano, che rischia di sancire la morte di oltre 30 mila famiglie che lavorano nel settore, decretando il blocco degli investimenti in un momento di massima urgenza di ripresa economica e rendendo fortemente instabile il futuro di circa un milione di lavoratori. Ma soprattutto è il preludio allo smantellamento di un pezzo fondamentale della nostra economia e della nostra cultura del turismo e dell’accoglienza, che ha nell’unicità costiera costellata di piccole imprese un unicum in tutto il mondo”.

Lo dichiara Massimo Casanova, europarlamentare della Lega eletto nel collegio centrosud e patron del ‘Papeete Beach’: “Delle due l’una: o manca totalmente la conoscenza degli elementi minimi del fare impresa, o è in corso un attacco senza precedenti al nostro patrimonio, che si appresta ad essere l’ennesima vittima delle burocrazie europee, prossima a essere svenduta e colonizzata dalle multinazionali”.

“Da questo momento in poi nessun investimento né programmazione potranno essere messi in campo dagli operatori: quale folle impegnerebbe i pochi risparmi rimastigli dopo due anni drammatici di pandemia per lavorare ad un’attività che tra qualche mese non gli apparterrà più? Ma, soprattutto, quale istituto bancario aiuterà mai un piccolo imprenditore che, da questo momento in poi, ha perduto ogni prospettiva? Si sta uccidendo un pezzo della nostra italianità e il futuro di migliaia di famiglie e lavoratori e lo si sta consentendo con la connivenza di precise forze politiche che oggi esultano di fronte a una simile assurdità, decretando il fallimento della politica italiana”, aggiunge il leghista.

“Sconvolge, peraltro – aggiunge Casanova -, il tempismo perfetto rispetto agli ‘avvertimenti’ giunti non più tardi di qualche giorno fa dall’Ue. È importante, ora più che mai, che il Governo e le forze politiche che vogliono realmente salvare questo Paese si pongano con forza e chiarezza nel perimetro di difesa delle nostre imprese. Noi come Lega lo abbiamo fatto e continueremo a farlo, a Roma come a Bruxelles”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: