BALSORANO, DONNE INVITATE A PULIRE SANTUARIO DOPO RITIRO SPIRITUALE UOMINI: BUFERA SOCIAL

15 Maggio 2022 08:58

L'Aquila - Cronaca

BALSORANO – È diventato virale sui social, scatenando polemiche, l’avviso giudicato sessista di don Silvano Casciotti che invita le donne a prenotarsi per per rassettare il santuario di Sant’Angelo, a Balsorano (L’Aquila), dopo il ritiro spirituale degli uomini.

“Su invito del rettore e del direttivo – scrive il sacerdote nel manifesto – si invitano le donne che lo desiderano a salire a Sant’Angelo per pulire i locali del santuario dopo l’esperienza degli esercizi spirituali per soli uomini”.

È bastato poco a far diventare il manifesto virale, tanto che ha scatenato un vero e proprio caso nazionale e sul sacerdote, don Silvano Casciotti, 45 anni, da undici parroco del paese, sono piovute valanghe di accuse sui social, dove migliaia di commenti spesso sarcastici hanno invaso la pagina Facebook del santuario.

L’appuntamento, ricorda Il Centro, si rinnova da oltre 400 anni nel segno della devozione, che si tiene in un luogo di culto caro a tutti i balsoranesi e che coinvolge centinaia di fedeli di altre zone, provenienti anche da fuori regione. I fedeli partecipano prima alla via Crucis, poi alla recita del rosario e infine alla celebrazione della messa. La giornata di domenica prevede il pranzo e conclude un periodo di devozione iniziato a marzo, nel giorno di San Giuseppe. Una tradizione che è stata integrata con una innovazione. Questa esperienza di meditazione infatti è stata recentemente aperta anche alle donne che, a fine luglio, si ritirano nel santuario.

A fare chiarezza è proprio il parroco, autore del manifesto pietra dello scandalo, che se da un lato è stato sottoposto ad accuse e a una pressione mediatica non indifferente, dall’altro ha ricevuto “grande solidarietà dall’intera comunità”. E oggi i parrocchiani daranno vita a una petizione di solidarietà al parroco “attaccato e accusato ingiustamente”.

Riguardo al manifesto, ammette di averlo “scritto senza pensare alle possibili interpretazioni” da parte del mondo dei social. “Se a qualcuno che non conosce questa tradizione – spiega don Silvano al Centro – arriva quel manifesto, l’interpretazione può essere distorta, io lo capisco. Purtroppo a persone che non conoscono la ricorrenza può sembrare che sia maschilista e sessista. Ma ovviamente non è così. Per questo si è scatenata una guerra mediatica contro di me”.

Interviene su fb anche il sindaco di Balsorano, Antonella Buffone, a difesa del parroco.

“Sono rammaricata che un semplice invito del Parroco, negli anni passati inosservato, abbia dato origine oggi ad una polemica priva di fondatezza. Il paese ha sempre risposto coeso, su base volontaria, in tutte le attività per il nostro Santuario con l’intento di custodirne il patrimonio artistico e religioso. Le tradizioni del nostro Santuario sono sempre state rispettose di quella reciprocità che contraddistingue la nostra vita religiosa e la nostra vita civile. Vita civile che, infatti, ha espresso come sindaco una donna”.

“La fonte anonima e, quindi, priva di personalità ha scritto, ovviamente, con il chiaro intento nel periodo preelettorale di sfruttare la comunità cattolica del nostro paese, forse a fini politici. Riprovevole!! Colgo l’occasione per esprimere a nome di tutti i cittadini di Balsorano solidarietà al nostro Parroco Don Silvano Casciotti e al Direttivo del Santuario di Sant’Angelo”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: