BASKET SERIE A2: MOKAMBO CHIETI CONDANNATA NELL’ULTIMO QUARTO DALLA STAFF MANTOVA

di Alessandro Germano

17 Novembre 2022 20:10

Chieti - Sport

CHIETI –  Per la Mokambo Chieti arriva la sconfitta nel recupero della quinta giornata del campionato di serie A2 sul campo della Staff Mantova per 82-76.

Con la sconfitta i teatini sono ancora fermi all’ottavo posto con 4 punti raccolti nel girone Rosso.

Il primo quarto vede un avvio lento, con entrambi gli attacchi che non riescono a sbloccarsi (2-2 dopo quasi 3 minuti).
I teatini, complici 6 palloni persi in meno di 5 minuti, costringono coach Rajola a chiamare timeout (9-2).
Il minuto di pausa fa bene ai teatini, che rientrati in campo si aggrappano alla bomba di Bartoli e alla schiacciata di Ancellotti, che riportano avanti i biancorossi a 3 minuti dalla sirena (9-10).
La Staff realizzerà solamente un 1/2 a cronometro fermo, e la Mokambo ne approffita con Jackson e Alibegovic per chiudere la prima frazione sul +4 (10-14).

L’avvio di secondo periodo vede Mantova nuovamente propositiva in attacco, guidata dai canestri di Miles si riporta avanti nel punteggio (15-14 dopo 1:30 di gioco).
I teatini però reagiscono, grazie ai numerosi canestri dalla lunetta di Vrankic, e si riportano sul 19-22 dopo 03:30 di secondo quarto.
I ragazzi di coach Rajola però si bloccano di nuovo, e dopo l’undicesima palla persa, Mantova piazza un parziale di 6-0 e si riporta avanti (25-22).
La Mokambo però non si arrende e torna in testa grazie ad Ancellotti e alla bomba di Jackson (25-27), Mantova però è infallibile in contropiede, e pareggia, con coach Rajola che chiama un nuovo minuto di sospensione (27-27).
Gli ultimi minuti Chieti limita le palle perse, e con Jackson e Ancellotti in grande spolvero conclude la seconda frazione di gioco in vantaggio per 30-33.

Dopo la pausa lunga Mantova rientra agguerrita, e prova a rimanere a contatto con Cortese e Thioune (34-36), Jackson però si carica sulle spalle i suoi, e i teatini, migliorando la percentuale da oltre l’arco, riescono a toccare la doppia cifra di vantaggio (38-48).
I padroni di casa provano a limitare il gap affidandosi a Calzavara, ma Chieti questa volta si affida a Vrankic, che diventa il terminale offensivo dei suoi, e a 01:39 da fine del quarto il parziale è di 48-59.
Mantova però non si arrende, e con Veronesi che realizza 6 punti consecutivi si riavvicina pericolosamente nel punteggio (54-59), costringendo coach Rajola all’ennesimo timeout della gara. Il terzo periodo andrà a terminare con le difese che prevarranno sugli attacchi,e al trentesimo il tabellone recita 54-59.

L’avvio di quarto periodo vede i padroni di casa infuriati, con Cortese e Veronesi che bombardano la difesa teatina, e tornano in vantaggio, con coach Rajola che chiama il minuto di pausa dopo poco meno di 3 minuti dall’avvio di quarto (64-62).
Cortese a cronometro fermo porta i suoi sul +4 (66-62), ma la Mokambo reagisce, con Bartoli e Vrankic piazza un parziale di 6-0 che riporta in vantaggio i teatini (66-68 a 04:32 dal termine).
La gara entra nel vivo, con le due squadre che non vogliono mollare un centimetro e regna l’equilibrio: a 80 secondi dalla fine il punteggio è di 74-74.
Miles è però decisivo da oltre l’arco, chieti invece non è fredda dalla lunetta, e al quarantesimo il risultato finale è di 82-76.

Il premio di miglior giocatore va all’americano Miles, che ha portato Mantova alla vittoria grazie ai suoi 20 punti realizzati, in doppia cifra insieme a lui anche Veronesi con 14 punti, Cortese con 13 punti e Calzavara con 10 punti. A segno anche Thioune (9 punti), Ross (7 punti), Janelidze (5 punti) e Morgillo (2 punti).

Per la Mokambo Chieti il miglior realizzatore è stato Jackson con 19 punti, seguito da Vrankic (16 punti), Ancellotti (13 punti) e Bartoli (12 punti). Si sono invece fermati a 6 punti a Mastellari e Alibegovic, e a 4 punti Serpilli.

La Mokambo Chieti scenderà nuovamente in campo domenica 20 novembre, sul campo della storica Fortitudo Bologna, che attualmente milita in sesta posizione con 8 punti raccolti in 7 giornate.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: