BOTTE E MINACCE ALLA EX MOGLIE, DIVIETO DI AVVICINAMENTO PER UN MARSICANO

17 Luglio 2021 13:58

L'Aquila: Cronaca

AVEZZANO – Violenze, minacce e ingiurie alla ex moglie, anche davanti alla figlia minorenne.

Questa mattina gli operatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Avezzano hanno eseguito la misura cautelare personale del divieto di avvicinamento nei confronti di un uomo.

Il provvedimento richiesto dal pubblico ministero, Maurizio Maria Cerrato, e disposto dal giudice per le indagini preliminari, Maria Proia, scaturisce dalla richiesta di intervento effettuata dalla vittima presso il Commissariato di polizia di Avezzano.

Dalle successive indagini avviate dai poliziotti del  Settore Anticrimine, nel corso delle quali sono stati raccolti numerosi elementi probatori nei confronti dell’uomo, sono emersi indizi precisi, gravi e concordanti a carico dell’uomo. Il destinatario della misura da diverso tempo sottoponeva la propria coniuge, dalla quale era in corso la separazione legale, a ingiurie, percosse e minacce anche alla presenza della loro figlia minore.

Inoltre, in un’occasione l’uomo si era introdotto, contro la volontà della donna, nell’abitazione di quest’ultima, forzando la porta d’ingresso e ricorrendo all’uso della violenza sia sulle cose che sulla persona, cosa accaduta in altre circostanze in cui la vittima aveva riportato anche lesioni.

Il provvedimento impone il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla donna, con l’ulteriore aggravante di non sostare in un raggio di spazio che, potenzialmente, consenta di vedere la vittima.

L’uomo, inoltre, dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, violazione di domicilio aggravato e lesioni personali.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: