BRUNO MONTEFALCONE, POETA DI LANCIANO, VINCE IL PREMIO LETTERARIO “SALVATORE QUASIMODO”

16 Maggio 2024 14:19

Chieti - Cultura

LANCIANO – Il poeta e scrittore Bruno Montefalcone di Lanciano (Chieti), 42 anni, vince il “Salvatore Quasimodo” 2024. La Giuria presieduta da Alessandro Quasimodo, figlio del Premio Nobel Salvatore Quasimodo, assegna il 1° Posto al Componimento poetico “Piano entra la poesia dalla porta” nella categoria “Singola Poesia”.





I Il suddetto Premio, che è stato indetto dalla Aletti Editore, ha visto la partecipazione, come negli anni passati e sempre più crescente, di numerosi Autori, sia italiani che stranieri. Edizione straordinaria quella di quest’anno per celebrare gli 80 anni dalla pubblicazione della straordinaria raccolta “Lirici Greci” di Salvatore Quasimodo. La Poesia dell’Autore abruzzese, che era stata già selezionata Finalista ad inizio anno tra le tante in gara, è risultata in seguito vincitrice assoluta nella categoria “Singola Poesia Edita o Inedita”. L’Autore ha appreso con orgoglio ed emozione la lieta notizia in questo mese di maggio dai risultati definitivi del Concorso.

Il suo 1° Posto è stato decretato dalla Commissione giudicatrice del Premio, ovvero dall’illustre Presidente di Giuria Alessandro Quasimodo, figlio del Premio Nobel Salvatore Quasimodo, insieme agli altri qualificati Giurati, tra cui il Maestro Giuseppe Aletti. Lo scrittore abruzzese ha ringraziato sentitamente il Presidente di Giuria e tutti i Giurati del Premio per il gradito successo. Una grande soddisfazione questa per l’Autore di Lanciano che ha già raccolto altri Primi Posti in vari concorsi letterari dell’anno precedente. All’autore frentano spetterà una targa o trofeo personalizzato. La poesia, scritta totalmente in quartine, affronta il tema della solitudine dell’essere umano, in particolare quella che si avverte maggiormente durante le feste. La poesia coglie e descrive questo disagio interiore e individuale nel momento della sua più esposta vulnerabilità; turbamento che fuoriesce in contrapposizione alle manifestazioni di giubilo collettivo.





Nella fattispecie, nella prima parte dell’Opera, si evince la descrizione delle festività in onore dei Santi Pietro e Paolo nella città di Lanciano. Voci e risate rumoreggiano per le vie e lungo le strade illuminate, nonché tra i vari Monumenti lancianesi che l’Autore frenano ha citato, omaggiandoli. Tuttavia, si ravvisa un netto contrasto con la seconda parte del Testo poetico dove regna sovrano il silenzio amaro e dolce della solitudine in una stanza ombrosa; e “Piano entra la poesia dalla porta” come se non volesse dar fastidio, ma che poi diventa una “compagna salvifica” nel cuore e nell’anima di quell’uomo solingo. Gli struggenti versi finali, invece, sono aperti alla libera interpretazione del lettore. La poesia vincitrice dell’Autore abruzzese sarà editata nell’Antologia del Premio Salvatore Quasimodo – IX Edizione, a cura della Aletti Editore.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: