CAMPOTOSTO: UNA CHIESA PER LA COMUNITA’ DOPO IL TERREMOTO, SU TV2000 UNA STORIA “DI CONFORTO'”

17 Settembre 2020 20:21

CAMPOTOSTO – Colpito per tre volte dal terremoto, dal 2009 al 2016, Campotosto, è un piccolo paese, in provincia dell’Aquila, dove l’80% degli edifici è stato dichiarato inagibile.

Su 487 residenti poco più di cento sono gli abitanti attualmente presenti su tutto il territorio comunale, prima erano 150 solo nel centro storico.

“Ogni mattina quando passo in mezzo al paese e vedo queste macerie mi assale una tristezza che fa male al cuore – racconta Giuseppina, proprietaria di un bar, che ha vissuto i tre terremoti – A volte chiudo la sera con un incasso di soli 25 euro che, però, ci permettono di tirare avanti”.

A seguito del sisma il paese, un tempo uno dei più bei borghi dell’aquilano, si è spopolato e chi ha deciso di rimanere vive ancora in moduli abitativi provvisori, solo qualcuno risiede ancora nella propria casa.

“Pensavo che non sarei mai riuscita ad abituarmi a tutto questo – racconta Nadia -, quando è arrivato il terremoto ero arrabbiatissima. Ci ha distrutto! Mi sono abituata al terremoto, alle macerie, alle demolizioni. Vedere, però, che è tutto fermo fa doppiamente male. Perché non interessa più a nessuno, ci hanno abbandonato così”.

Le storie di Giuseppina e Nadia sono al centro di un nuovo filmato della serie Firmato da te, un progetto televisivo di TV2000 che racconta, attraverso la voce dei protagonisti, cosa si fa concretamente con l’8xmille destinato alla Chiesa cattolica e segue le ricadute di un piccolo gesto nel vissuto di persone e luoghi.

Un racconto in prima persona, senza filtri, con un montaggio serrato e cinematografico, che coinvolge lo spettatore nelle pieghe delle tante esperienze sostenute dalla carità cristiana.

Come a Campotosto dove, mentre la ricostruzione è ferma, un segno concreto è arrivato dalla Chiesa cattolica. Grazie ai fondi dell’8xmille è stato possibile realizzare una nuova chiesa in legno che ha sostituito un container dove è stata celebrata la messa per tre anni dopo il terremoto.

“Con l’aiuto della Caritas e, in particolare, dell’8xmille – spiega don Dante di Nardo, direttore Caritas Diocesi L’Aquila – è stata costruita una piccola Chiesa, ma più che Chiesa si tratta di un centro di comunità in quanto è adatto anche per tutte le iniziative che si possono svolgere all’interno di una parrocchia come gli incontri di catechesi, di formazione, di Caritas. Anche se i parrocchiani rimasti sono pochi, le persone hanno comunque bisogno di incontrarsi, di vedersi e di avere un luogo amico e familiare, che possa essere per loro occasione di relazioni belle e fonte di socializzazione”.





Entrando nel vissuto delle persone si scoprono i mille intrecci che la comunità ecclesiale è in grado di creare, donando possibilità e speranza, intervenendo con discrezione e rispetto, operando con creatività nel presente dell’Italia che arranca.

E’ negli occhi commossi di Giuseppina, di Nadia, di don Dante e degli altri parrocchiani che si legge la speranza e il desiderio di guardare avanti con nuove prospettive personali e professionali.

A Campotosto giocano a favore di una ripresa anche l’attrattiva del lago insieme ad un’ottima cucina locale.

“Il piatto tipico di queste parti sono gli gnocchetti di magro – conclude Giuseppina con orgoglio ed emozione – cotti con un sugo semplicissimo di alici o di tonno, pietanza tradizionale della vigilia di Natale, senza dimenticare la mortadella di Campotosto e le pizze fritte. Ce ne sono tanti. Aspettiamo le persone per farglieli assaggiare”.

Concepita come percorso formativo per quattro emittenti televisive (Telepace di Verona e Telepace di Roma, Tv Prato, Teledehon di Andria), che hanno partecipato alla realizzazione dei filmati, Firmato da te è una serie, ideata e diretta da Gianni Vukaj, regista di TV 2000.

Il programma mette in luce il valore della gratuità, tocca la carne viva di ferite che spesso non si vogliono vedere, comprende gli sforzi di una chiesa in uscita, “ospedale da campo” che, anche nell’emergenza, non ha mai smesso di prendersi cura dei più deboli.

Ogni anno, grazie alle firme dei contribuenti, si realizzano, in Italia e nei Paesi più poveri del mondo, oltre 8.000 progetti che vedono impegnati sacerdoti, suore e i tantissimi operatori e volontari che quotidianamente rendono migliore un Paese reale, fatto di belle azioni, di belle notizie.

“Destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica equivale, quindi, ad assicurare conforto, assistenza e carità grazie ad una firma che si traduce in servizio al prossimo – si legge in una nota – La Chiesa cattolica, ogni anno, si affida alla libertà e alla corresponsabilità dei fedeli e dei contribuenti italiani per rinnovarla, a sostegno della sua missione. Sono tanti i progetti documentati nella serie in onda su Tv2000 e disponibili online sul canale YouTube 8xmille”.

Il video può essere condiviso dal canale YouTube 8xmille al seguente link: https://youtu.be/qjLaLO_Kz58

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!