CARCERE LANCIANO. PROCLAMATO STATO DI AGITAZIONE, STOP MENSA: “MANCA PERSONALE”

15 Febbraio 2021 17:23

LANCIANO – Protesta al supercarcere di Lanciano (Chieti) con l’astensione dalla mensa decisa fino al 20 febbraio: oggi adesione al 100% degli agenti di polizia penitenziaria.

Lo stato di agitazione è stato proclamato per la perdurante mancanza di personale, con quello presente costretto a svolgere doppi turni e con varie postazioni scoperte, tanto che i sindacati hanno chiesto all’Amministrazione Penitenziaria la chiusura di almeno 3 sezioni detentive.

“Dopo l’astensione dal servizio mensa di oggi – dicono i segretari dei sindacati Sappe, Osapp, Uilpa P.P., Uspp, Fns Cisl e Fp Cgil – siamo pronti a ricominciare dalla prossima settimana e per un periodo più lungo se le richieste non verranno ascoltate”.

Il segretario regionale della Uilpa, Ruggero Di Giovanni, aggiunge: “Allo stato attuale non si riesce a garantire né i livelli minimi di sicurezza né i diritti dei lavoratori ed è di tutta evidenza che la problematica incide e inciderà sempre di più anche sulla popolazione detenuta. Il lavoro svolto dalla Polizia Penitenziaria va ben oltre la mera sorveglianza e un livello di personale così distante dalle reali necessità della Casa Circondariale potrà solo portare a una progressiva diminuzione delle attività trattamentale. Inoltre, la struttura soffre attualmente dei postumi del recentissimo focolaio Covid 19 che vede ancora un detenuto positivo e tre agenti in isolamento fiduciario. È necessario rivedere in maniera sostanziale l’organizzazione del lavoro chiudendo alcuni settori o prevedendo un congruo invio di poliziotti”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: