CARO BOLLETTE, MEDICI IN FUGA DAGLI STUDI: “COSTI TROPPO ALTI, GIOVANI PREFERISCONO USCA”

5 Ottobre 2022 10:44

Italia - Sanità

ROMA – Il caro-bollette colpisce anche gli studi dei medici di famiglia, e molti, soprattutto i più anziani e i più giovani, per motivi diversi, iniziano ad abbandonare lo studio, non più redditizio.

È l’allarme lanciato da Silvestro Scotti, segretario della federazione dei medici di medicina generale, a margine del 79esimo congresso Fimmg in corso fino a sabato a Villasimius.

“Noi denunciamo – ha detto Scotti – che il medico anziano, che è vicino alla pensione, dal momento che riduce gli assistiti e quindi il reddito, a quel punto si tira fuori. E poi il giovane medico che entra si trova una bolletta elettrica di quel tipo e dice ‘sai che c’è, vado a fare le Usca'”.

“Tutto questo – ha sottolineato – non può essere finanziato solo dal fondo sanitario nazionale. Perché io non posso avere provvedimenti di defiscalizzazione per le assunzioni? Io medico non produco Pil con i lavoratori, l’indotto? Perché non devo avere aiuti? I costi stanno erodendo il nostro onorario professionale”.

“Si rischia, se l’energia continua ad aumentare i costi in questa maniera, che il medico di famiglia scelga di fare altro accelerando la fuga dagli studi, e lasciando ancora più italiani senza medico”, conclude Scotti chiedendo al prossimo governo “di mettere in cantiere una legge sul lavoro autonomo all’interno della sanità pubblica”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: