CARO PARCHEGGI, SCOPPIA IL CASO IN ABRUZZO: COMUNI DI SILVI E FRANCAVILLA A CONFRONTO

30 Giugno 2022 08:46

Chieti - Abruzzo, Politica

PESCARA  – Tempo di vacanze estive e di rilancio del turismo, pur nell’anno dell’impennata dei prezzi con il caro gasolio, caro bollette e dopo la crisi economica causato dalla pandemia, e sulla costa abruzzese esplode anche il caso del “caro parcheggi”.

La polemica, divampata sui social in questi giorni, è esplosa a seguito del confronto dei prezzi tra due comuni: uno a nord di Pescara, Silvi (Teramo), uno a sud, Francavilla al mare (Chieti), il primo, guidato dal primo cittadino Andrea Scordella, della Lega, in scadenza di mandato, l’altro dalla sindaca Luisa Russo, area centrosinistra, al suo primo anno con la fascia tricolore.

Come si evince analizzando le tariffe, nel comune di Francavilla sia i residenti che i domiciliati, quindi, i proprietari di seconde case, possono sottoscrivere l’abbonamento stagionale, dal 18 maggio al 18 settembre, a 80 euro; nel comune di Silvi, dal 15 giugno al 15 settembre, l’abbonamento per i turisti è di 240 euro, mentre per i residenti è scontato del 50%.

Circostanza prontamente segnalata da un membro del gruppo social ” Silvi nel cuore ” con commenti a seguire che lamentano anche una maggiore disponibilità di stalli, visto e considerato la non assegnazione degli stessi pur pagando la tariffa intera.

“Si cerca di stringere la cinghia e di utilizzare il meno possibile la macchina, ma spostarsi dalle aree interne sulla costa implica un viaggio che comprende oltre al caro benzina e il caro pedaggi anche il caro parcheggi una volta giunti a destinazione”, segnala un altro utente.

Nel dettaglio, a Francavilla, i primi 15 minuti saranno gratuiti per tutti con tagliando esposto; la sosta sarà sempre gratuita per le auto elettriche e scontate per le ibride, per entrambe le categorie però è obbligatorio sottoscrivere un abbonamento gratuito.

La tariffa (in aumento) è di 70 centesimi per sostare 30 minuti, 1 euro per un’ora. È possibile anche fare un tagliando a fasce orarie, dal costo di 3,50 euro, nei giorni feriali, per il periodo fra le ore 8 e le 14 e quello fra le 14 e le 20, di 5 euro per l’intera giornata, dalle 8 alle 20. Nei giorni festivi, il giornaliero dalle 8 alle 20 ha un costo di 6 euro, mentre aumenta il tagliando per mezza giornata: si paga 4,50 euro dalle 8 alle 14, altrettanti dalle 14 alle 20. È possibile anche acquistare un abbonamento, valido per un solo veicolo perché sarà abbinato alla targa: per un mese, a partire da giugno il costo è di 35 euro; lo stagionale, valido per quattro mesi, costa 80 euro.

Invece, a Silvi, la sosta inferiore ai 15 minuti, come lo scorso anno, non si pagherà. Le tariffe orarie e gli abbonamenti hanno subito un ritocco: per un’ora o frazione si pagherà € 0,80 e per le successive ore € 0.80 ad ora frazionabili in rapporto all’effettivo periodo di sosta. La tariffa giornaliera (dalle h. 8 alle 20) è fissata in € 5,00; quella settimanale (h. 8 – 24) € 25,00; quella mensile € 85,00 (h. 8 – 24) e la stagionale (h. 8 – 24) € 240. Come già anticipato, per i residenti è prevista la riduzione del 50% delle quote previste per gli abbonamenti.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: