AMMINISTRATORI E VERTICI CONCESSIONARIA OGGI A CARSOLI PER CERCARE SOLUZIONE. LUNEDI' PRIMI CITTADINI SARANNO A ROMA PER PARLARE CON MINISTRO DE MICHELI. INCIDENTE DIPLOMATICO A L'AQUILA DOPO CADUTA CALCINACCI DA VIADOTTO: POLIZIA NON AVVISATA

CARO PEDAGGI A24-A25: INCONTRO ‘BLINDATO’ SINDACI-SDP PER SCONGIURARE MAXI STANGATA

Autore dell'articolo: Alessia Centi Pizzutilli

17 Ottobre 2019 10:38

L'AQUILA – Si avvicina la scadenza, fissata al 30 novembre prossimo, dell'ulteriore proroga del blocco degli aumenti dei pedaggi del 19 per cento dell'autostrada A24 e A25, che collega Lazio e Abruzzo e i sindaci dei territori interessati dalla maxi stangata oggi pomeriggio, in un incontro a porte chiuse a Carsoli, che si terrà alle 18, incontreranno i vertici di Strada dei Parchi, società abruzzese che gestisce i due tratti autostradali, per cercare una soluzione.

Il tutto in vista dell'incontro con il neo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, in programma per lunedì a Roma.

Negli ultimi due anni i primi cittadini di Lazio e Abruzzo hanno portato avanti una battaglia senza sosta, ma sino ad oggi i sit-in davanti ai palazzi del Governo, le proteste e i tanti incontri che so sono susseguiti non hanno portato a una soluzione decisiva, ma solo a una lunga serie di rinvii: l'ultimo blocco, infatti, risale al 31 agosto agosto, ma gli amministratori locali continuano a chiedere un intervento risolutivo e definitivo.

Una questione spinosa che è strettamente legata all'approvazione del Piano economico finanziario che prevede il maxi piano di messa in sicurezza sismica sull’attuale tracciato per un investimento complessivo di circa 3,1 miliardi di euro, di cui 2 a carico dello Stato, e la restante parte della concessionaria, oltre al controllo appunto dei pedaggi.

I centoquattro sindaci di Lazio e Abruzzo nei mesi scorsi hanno scritto una lettera a De Micheli proprio per chiedere un incontro sul rischio che si ripresenta per l'ennesima volta in vista dell'approssimarsi del 30 novembre, data di scadenza dell'accordo tra ministero e Sdp per il blocco degli aumenti. 

“Un salasso oramai insostenibile per le tasche dei cittadini”, hanno denunciato nella missiva, in cui hanno ricordato tutte le tappe che dal 3 gennaio 2018 li hanno impegnati nella lotta contro il caro pedaggi e per la sicurezza della Strada dei Parchi A24-A25.





Inoltre, nei giorni scorsi all'Aquila i tecnici di Sdp, insieme agli uomini dei Vigili del fuoco del capoluogo, sono intervenuti per mettere in sicurezza il viadotto che passa sopra la strada statale 17, dal quale si sono staccati alcuni calcinacci, finiti sopra un'automobile.

In quell'occasione si è verificato anche un piccolo incidente diplomatico: La sezione autostradale della Polizia di Stato, competente sul tratto interessato dalla caduta dei frammenti di cemento, infatti, non è stata avvisata di quanto accaduto dagli uomini della Polizia municipale e dai vigili del fuoco, intervenuti per mettere in sicurezza l'area.

Vigili urbani e uomini del 115, da quanto riferito ad AbruzzoWeb, si sarebbero giustificati dicendo che di aver ritenuto di non chiamare i colleghi perché il fatto era di lieve entità.

Solitamente, in casi come questo, viene avvisata la Autostradale che a sua volta provvede a contattare i vertici di Strada dei Parchi Spa, che al contrario è venuta a conoscenza di quanto accaduto dai giornali.

Intanto proseguono i lavori di manutenzione straordinaria da parte di Sdp sul viadotto di Tornimparte (L'Aquila), che stando alle previsioni della stessa società concesionaria dovrebbe essere riaperto in occasione delle festività di Natale.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!