GUARDIA FINANZA DI FIRENZE INDAGA SU EX FONDAZIONE MATTEO RENZI, IN BALLO RENEXIA, IMPEGNATA NELL'ENERGIA RINNOVABILE, PER VERIFICA FALSO IN BILANCIO, ''TRAVISATA REALTA', FIDUCIA IN MAGISTRATURA''

CASO OPEN: GRUPPO TOTO NELL’INCHIESTA, ”NOI CORRETTI E TRASPARENTI”

22 Settembre 2019 22:22

FIRENZE – Il Gruppo Toto finisce nel “Caso Open”, l'inchiesta della procura e della guardia di finanza di Firenze dove sono indagate persone legate a vario titolo alla fondazione Open, vicina a Matteo Renzi e nota per aver sostenuto negli anni passati iniziative politiche come la Leopolda.

“I soldi di Toto girati alla cassaforte dell'ex premier”, titola Il Fatto quotidiano tirando in ballo il gruppo e in particolare Daniele Toto, a lungo amministratore delegato della Renexia, controllata dal gruppo, e in una nota Toto si affretta a dichiarare “la totale correttezza e trasparenza del proprio operato”.

Lo stesso Gruppo Toto precisa nella nota che “i fatti, nel modo in cui sono stati riferiti, travisano la realtà e ledono l'immagine del Gruppo”, quindi “nell'esprimere piena fiducia nell'operato della magistratura, il Gruppo Toto è certo che la conclusione dell'inchiesta consentirà di dimostrare la correttezza del proprio operato”.

Nell'articolo del Fatto si legge: “Indagando su due renziani della prima ora – Alberto Bianchi e Patrizio Donnini, sotto inchiesta per due vicende diverse – gli investigatori della Guardia di Finanza si sono imbattuti in uno dei colossi dell’imprenditoria italiana: la Toto Holding, società che opera nel settore delle costruzioni e nella gestione di molti progetti infrastrutturali in Italia e nel mondo”.

E ancora: “La Toto Holding controlla la Renexia, società impegnata invece nel business dell’energia rinnovabile. Ed è proprio questa azienda al centro dell’inchiesta fiorentina che vuole verificare se sia stato commesso il reato di falso in bilancio”.

“Quando a luglio i militari delle Fiamme Gialle si presentano negli uffici della Renexia, per acquisire una serie di documenti – si legge ancora sul Fatto -, hanno due obiettivi: verificare gli affari conclusi con una società di Donnini, la Immobil Green Srl, e la donazione di 25 mila euro erogata alla Open, la fondazione presieduta da Alberto Bianchi, che fino al 2018 finanziato la Leopolda di Matteo Renzi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: