LEADER FRATELLI D'ITALIA NEL CAPOLUOGO; BORDATE SU ESECUTIVO CONTE E SBARCHI A LAMPEDUSA, CONFERMATA UNITA' AD AVEZZANO CON LEGA, AI FERRI CORTI CON BIONDI, A SOSTEGNO CANDIDATO GENOVESI, PAROLE DURE SU CONDIZIONI INFRASTRUTTURE

‘CENTRODESTRA COALIZIONE VIVA E FRIZZANTE’
MELONI A L’AQUILA ”FOLLIA SU IMMIGRAZIONE”

31 Luglio 2020 16:46

L'AQUILA – “Il centrodestra è una coalizione frizzante, come tutte le cose vive. Ma sicuramente è una coalizione che marcia compatta quando è necessario. Così è accaduto anche qui e così accadrà anche in futuro. Penso alle prossime amministrative, penso al Comune di Avezzano”.

Così il leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che oggi a L'Aquila ha partecipato alla conferenza stampa organizzata dal coordinamento regionale Fratelli d'Italia Abruzzo a Palazzo dell'Emiciclo, per illustrare il “buon governo” svolto finora dalla Regione e dal Comune dell'Aquila. Sono intervenuti, tra gli altri, il presidente della Regione, Marco Marsilio, e il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi.

Non è sfuggita la presenza del consigliere comunale Tiziana Del Beato, che a dicembre ha lasciato la Lega ed ora è al gruppo misto, ma data in avvicinamento a Fdi. 

La visita di Meloni, va ricordato, cade in una fase di crisi al Comune dell'Aquila, dove Biondi è ai ferri corti con la Lega, dopo le “sparate” in aula del capogruppo Francesco De Santis, contro l'operato della maggioranza. Biondi ha ritirato le deleghe ai tre assessori leghisti.

Fdi è invece unito e compatto con i salviniani ad Avezzano, dove si vota il 20 e 21 settembre, a sostegno del candidato leghista Tiziano Genovesi. 

Dure le parole di Meloni sulle condizioni delle infrastrutture abruzzesi e sulle politiche migratorie, giudicate “folli”, da parte del governo del Pd e M5s.

“Io vengo da Roma, la situazione dell'Autostrada Roma L'Aquila A24 è insostenibile, c'è una condizione infrastrutturale che è drammatica che la Giunta regionale sta affrontando pero' ci sono troppe cose che ancora non funzionano. Da una parte – ha detto Meloni – abbiamo un ministro dei Trasporti De Micheli che fa una timida apertura alla quale non corrispondono le priorità che si è dato questo Governo. Nel proclama 'Italia Veloce' che ha messo in piedi questo Governo non c'è traccia né della Roma-Pescara né della terza corsia autostradale, non c'è traccia di niente dell'Abruzzo, neppure dell'aeroporto, infrastruttura molto importante sulla quale l'Amministrazione regionale Marsilio ha lavorato”.




Meloni ha poi sottolineato che “noi continuiamo anche con la nostra attività parlamentare a muoverci su questo terreno però non si deve venire qui solamente quando ci sono le campagne elettorali o quando ci si presenta su questi territori per non deludere i cittadini e non essere consequenziali”.

“Noi lo siamo stati, abbiamo detto che le infrastrutture sono delle priorità e così ci siamo comportati e l'amministrazione Marsilio lo dimostra. Se il Governo ci dà una mano senza guardare al fatto che l'amministrazione è governata dal centro destra e le risposte non vanno date in maniera diversa da quelle di centrosinistra, io penso che l'Abruzzo possa crescere tantissimo perché ha una posizione strategica incredibile, straordinaria che con un po' di accortezza può diventare una regione ricchissima”.

Bordate sull'immograzione, nelle ore in cui sono stati annunciati attivi in Abruzzo degli sbarcati a Lampedusa.

“Ci sono polemiche sui migranti, c'è un Governo che non è eletto da nessuno e che prende e manda a sindaci eletti dai cittadini centinaia di migranti non avendo la buona creanza di avvertirli per tempo. Segnalo che gli amministratori locali sono stati praticamente avvertiti quando gli immigrati erano già in viaggio – continua Meloni -. Continuare così è da irresponsabili, da pazzi, quello che il Governo sta facendo in queste ore sul tema della immigrazione è folle: perché io ricordo un Governo che rincorreva gli italiani con i droni quando qualcuno correva da solo in spiaggia durante il lockdown e noi abbiamo con quella fermezza consentito che non si propagasse il covid e oggi si fa finta di non vedere migliaia di migranti clandestini che, prima entrano irregolarmente sul nostro territorio, con alcuni di loro che sono contagiati e scappano, e quando vengono recuperati dopo giorni senza avendone controllato i movimenti, non si sa chi hanno infettato”.

Secondo il leader di Fdi, “questo è folle perché noi abbiamo pagato un prezzo altissimo per fermare la diffusione del virus in termini di posti di lavoro, Pil, aumento povertà, disoccupazione, un momento che l'Italia sta vivendo e vivrà. Non siamo disponibili a rendere tutto questo vano per la furia negazionista del Governo che non guarda in faccia a nessuno”.

LINK PER LA DIRETTA VIDEO

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: