CHIETI: AGGRESSIONE A GESTORE BAR, SCATTA DASPO WILLY PER 37ENNE

16 Giugno 2021 12:58

CHIETI  – Un 37enne di Chieti, ritenuto responsabile di aggressione ai danni di alcune persone tra le quali il gestore di un bar, è il primo destinatario in tutta la provincia di Chieti del “divieto di accesso negli esercizi pubblici e nei locali di pubblico intrattenimento” per la durata di due anni: si tratta del cosiddetto ‘Daspo Urbano’ noto anche come ‘Daspo Willy’, misura di prevenzione introdotta in seguito al tragico episodio di Colleferro (Roma) dove il 6 settembre 2020 fu ucciso il giovane Willy Monteiro Duarte.

La misura di prevenzione, che ha efficacia sull’intero territorio provinciale, è stata adottata dal Questore di Chieti Annino Gargano al termine di un’accurata istruttoria svolta dalla Divisione Polizia Anticrimine, su proposta dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura che, in più circostanze, con proprie pattuglie, è intervenuto in seguito alle varie aggressioni delle quali il 37enne teatino si era reso protagonista.

La violazione del divieto è punita con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da 8.000 a 20.000 euro.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: