CHIETI: TAR SOSPENDE APPALTO MENSE, SI VA A CHIAMATA DIRETTA

2 Ottobre 2021 16:53

Chieti: Politica

CHIETI – Il Tar ha concesso la sospensiva sull’aggiudicazione del servizio di refezione scolastica a Chieti accogliendo il ricorso di alcune ditte che avevano partecipato alla gara: questa mattina si è riunita d’urgenza la Giunta comunale teatina che, alla luce del ricorso, e in attesa della decisione, non aveva ancora avviato il servizio di refezione e, proprio ieri, aveva comunicato ai dirigenti dei quattro Istituti Comprensivi, di consentire agli alunni di portare il pasto da casa. L’intenzione è attivare una procedura d’urgenza a chiamata diretta.

“Rispettiamo la decisione che abbiamo a lungo atteso e di cui oggi prendiamo atto e valuteremo di avviare un’indagine conoscitiva per capire se vi sono stati errori da parte dell’Ente – si legge in un comunicato del sindaco Diego Ferrara e della Giunta comunale teatina. Ma la nostra prima premura va ora alle famiglie che sono, con noi, interessate dalle conseguenze di questa situazione e delle quali ci mettiamo a completa disposizione, anche facendoci carico di una costruttiva mediazione con i dirigenti scolastici, perché nelle more di queste procedure si possano assicurare i pasti da casa, ma soprattutto al fine di alleviare tempi e disagi che inevitabilmente ci saranno come effetti della sospensiva. Così come la decisione dei giudici amministrativi, rispettiamo la normativa in materia di aggiudicazione degli appalti e siamo già al lavoro per attivare al più presto la soluzione conforme all’ordinamento giuridico che ci consenta di avviare comunque la refezione scolastica nel più breve tempo possibile, in modo che i bambini possano consumare a scuola pasti regolari, come il servizio prevede”.

“L’intenzione a cui daremo seguito immediatamente è quella di studiare la via migliore per arrivare a una procedura d’urgenza a chiamata diretta, al fine di individuare un soggetto terzo che porti avanti la refezione fino a che non potremo procedere con un nuovo gestore e finché non sarà possibile dare seguito a quanto stabilisce l’appalto. Lavoreremo insieme a tutti i soggetti coinvolti e in trasparenza, ma siamo al contempo consapevoli che i passi da fare sono importanti e sensibili, sia per assicurare il servizio secondo gli standard che questa amministrazione aveva determinato in termini di qualità e territorialità, sia a tutela dell’Ente, e li faremo valutando tutti gli aspetti richiesti dal caso, con l’auspicio che i nostri bambini possano quanto prima tornare a mangiare a scuola pasti sicuri e di ottima qualità”, conclude in sindaco.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: