CLIMA: SENSORI SU CIME DELLA MAIELLA PER TUTELA BIODIVERSITÀ

16 Luglio 2021 11:13

L'Aquila: Cronaca

SULMONA  – Il cambiamento climatico è una delle minacce più importanti per la biodiversità; gli ambienti d’alta quota, in particolare, sono considerati tra i più sensibili agli aumenti di temperatura previsti nel prossimo futuro.

Da alcuni anni il Parco Nazionale della Maiella è impegnato in attività di monitoraggio e salvaguardia degli ecosistemi alpini. In questi giorni, in collaborazione con il Parco, i ricercatori del gruppo Biome (Biodiversità e Macroecologia) dell’Università di Bologna e del gruppo Lacemod (LAboratory of Cartography, Ecology and MODelling) dell’Università dell’Aquila sono sul campo per intraprendere un nuovo progetto per il monitoraggio della temperatura del suolo nelle aree sommitali del Parco della Maiella.

Lo studio prevede l’installazione di oltre 20 nuovi sensori, a partire dai 2.200 metri di quota, per raccogliere dati di temperatura durante tutto l’anno.

I dati verranno acquisiti ogni due ore, per poi essere analizzati dai numerosi ricercatori impegnati nel progetto.

Questi dati forniranno informazioni importantissime non solo per la ricerca in campo ambientale, ma anche per la gestione dei servizi ecosistemici collegati agli ambienti alpini. Numerosi parametri ambientali, tra cui la durata del manto nevoso, potranno essere di fondamentale importanza per la gestione delle riserve idriche.

Altri aspetti cruciali sono legati alla conservazione della biodiversità: questi dati permetteranno di analizzare e comprendere come le comunità vegetali d’alta quota risponderanno ai cambiamenti climatici in atto.

Questi modelli predittivi forniranno un dato cruciale legato al rischio di estinzione delle specie che sarà utile per indirizzare le politiche di gestione e conservazione della biodiversità.

Inoltre, forniranno informazioni utili su scala globale, in quanto gli ambienti di alta quota, grazie a una così alta presenza di biodiversità, sono da tempo riconosciuti come vere e proprie sentinelle dei cambiamenti climatici.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: