COLLARMELE, FACCIA A FACCIA CON L’ORSO: JUAN CARRITO INTRAPPOLATO NEL POLLAIO PER TRE ORE

13 Giugno 2021 09:34

COLLARMELE – Entra nel pollaio e si trova davanti l’orso.

Stavolta Juan Carrito, come è stato battezzato il figlio dell’orsa Amarena, ha fatto la sua comparsa a Collarmele (L’Aquila), dove è rimasto prigioniero in un pollaio per circa tre ore.

A raccontare l’accaduto al Centro è il proprietario del pollaio, Domenico D’Alessandro, ferroviere in pensione: “A chiudere il pollaio ci sono ben due reti. L’orso le ha saltate tutte e due e poi è entrato dentro e ha ucciso 20 polli. Gli ho offerto la colazione – ironizza – La mia sorpresa più grande è stata trovarmelo di fronte. Non mi ero accorto della sua presenza perché non c’era nulla di danneggiato. Quando l’ho visto mi si è alzato di fronte, un vero e proprio faccia a faccia. Non sapevo cosa fare, fortunatamente ho avuto la prontezza di scappare e ho urlato per farmi sentire da mio figlio che stava lì vicino”.

In poco tempo, sono arrivati nell’area i carabinieri forestali delle stazioni di Gioia dei Marsi e Celano, che lo hanno aiutato a ritrovare la libertà.

Per farlo allontanare dal pollaio e soprattutto per evitare che potesse raggiungere la ferrovia, i carabinieri forestali hanno esploso anche dei colpi in aria che lo hanno poi distolto dal proseguire verso i binari. Alla fine si è diretto verso la montagna, in piena sicurezza.

(Nella foto l’immagine di un’altra incursione in un’azienda agricola di Pescina)

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: