COMMISSIONE SERVIZIO IDRICO, MARCOZZI: “NON LAVORO PER POLTRONE, BRUTTO ESORDIO DE SANTIS”

26 Maggio 2023 17:12

Regione - Politica

L’AQUILA – “Sia chiaro a lui e a tutti che in Regione Abruzzo c’è chi è capace di lavorare per il bene comune, non solo per le poltrone come alcuni. Chi si mette di traverso al riefficientamento della gestione dell’acqua da qui al futuro non dovrà, di certo, renderne conto a me, ma a tutti gli abruzzesi”.

È quanto si legge in un passaggio della nota del consigliere regionale indipendente e già presidente della Commissione d’Inchiesta sull’Emergenza Idrica Sara Marcozzi rispondendo a Francesco De Santis, che ha definito inutile l’istituzione di una Commissione permanente sul sistema idrico, sottolineando: “non vorremmo dover pensare che sia utile a facilitare il passaggio in maggioranza di un consigliere regionale di opposizione al quale qualcuno avrebbe da tempo promesso la presidenza dell’ipotetica nuova commissione. Sarebbe una brutta pagina politica”.





Il riferimento era diretto proprio a Marcozzi, candidata alla Presidenza della Regione del M5S, di cui è stata poi capogruppo in Consiglio regionale, passando poi a Impegno civico, esperimento politico di Luigi Di Maio, subito concluso, e che ora è vicina al centrodestra.

L’accusa di un avvicinamento alla maggioranza per logiche elettorali, in vista delle regionali in programma a primavera 2024, le era stata rivolta anche alla ex compagna di partito, la parlamentare M5s Daniela Torto, che aveva definito la commissione permanente “l’ennesima farsa di un governo destra centro”, un modo “di strumentalizzare i problemi dei cittadini per cercare in realtà uno spazio politico a qualche nuovo arrivato” e “di mettere su l’ennesima telenovela ‘Troviamo una poltrona per la Marcozzi'”.

Oggi, rispondendo alle stesse accuse, rivolte questa volta da un esponente di un importante partito del centrodestra, Marcozzi scrive: “Leggo con sorpresa e stupore le avventate dichiarazioni del neo portavoce della Lega Abruzzo in merito alla mia proposta di istituzione di una Commissione permanente dedicata al Sistema Idrico e ai Cambiamenti Climatici. Una scelta difficile da capire sia nel metodo che nel merito”.una scelta difficile da capire sia nel metodo che nel merito. Disfunzionale nel metodo, dal momento che la Lega, fino a oggi, non ha mai sollevato dubbi in nessuna delle sedute della Giunta per il Regolamento in cui è stato trattato il tema e ha persino votato a favore del provvedimento lo scorso 11 maggio. Nel merito poiché la ratio di una commissione unica – al posto delle attuali due – che si occupi di tutti gli impieghi dell’acqua abruzzese (idropotabile, idroelettrico, agricolo, industriale) è quella di cambiare passo, avere finalmente una visione di insieme grazie a un nuovo approccio sistemico e non più a compartimenti stagni”.





“La divisione di competenze in più commissioni ha contribuito, tra le altre cose, alla scarsa efficienza della governance abruzzese dell’acqua e a paradossi per cui le sorgenti di acqua purissima fossero destinate alla produzione idroelettrica mentre si costruivano potabilizzatori per dissetare i cittadini con acqua depurata”.

“La Cabina di regia nazionale, peraltro – aggiunge Marcozzi – è stata costituita sulla base di una crisi, e per definizione non può sostituirsi al buon governo del territorio, che deve assicurare alla nostra regione visione a lungo termine e continuità di gestione e programmazione degli interventi. Questi fattori sono ben chiari a tutti coloro che hanno a cuore il futuro dell’Abruzzo, a cominciare dal Presidente Marsilio che ha subito compreso l’importanza di uno strumento permanente, un presidio a tutela dell’acqua degli abruzzesi. Ci sono una marea di buone ragioni per dare al futuro dell’acqua una visione chiara e unica, come solo un organo politico permanente può fare: dalla imminente scadenza delle convenzioni delle società di gestione alle tante concessioni idroelettriche già scadute, dalle perdite idriche con punte del 70% alle interruzioni quotidiane di servizio, fino alle criticità dei Consorzi di bonifica”.

“Stiamo cercando di lasciare un lavoro ben fatto che farà dell’Abruzzo la regione capofila in Italia nel dotarsi di uno strumento simile, che supererà questa legislatura e rimarrà a disposizione di chi governerà la Regione in futuro affinché si affrontino, una volta per tutte, i problemi che ci trasciniamo da decenni. Con le sue dichiarazioni il giovane portavoce della Lega mostra una certa ossessione per incarichi e poltrone, probabilmente a causa delle oramai quotidiane emorragie di esponenti politici dal suo partito”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: