CONI, MALAGO’ RIELETTO PRESIDENTE, GRAVINA NELLA GIUNTA. LIRIS: “OTTIMA NOTIZIA ANCHE PER ABRUZZO”

14 Maggio 2021 10:52

L’AQUILA – “Formulo i migliori auguri di buon lavoro al presidente del Coni, Giovanni Malagò. La sua rielezione è una buona notizia per tutto il movimento sportivo nazionale, certifica l’ottimo operato e consente di dare una prospettiva certa”.

Così in una nota l’assessore regionale allo Sport, Guido Liris alla notizia della conferma della presidenza al Coni di Malagò, dopo il consiglio elettivo riunito presso il Tennis Club Milano Alberto Bonacossa. Ha ottenuto 55 voti precedendo Renato Di Rocco, fermo a quota 13, mentre ha raccolto un consenso Antonella Bellutti.

Nel nuovo governo guidato da Malagò (che ha fatto l’en plein, sono entrati tutti candidati della sua area) anche il presidente della Federcalcio, l’abruzzese Gabriele Gravina, che passa da sesto nella quota dirigenti (ne entravano 7): “Gabriele Gravina torna nella Giunta del Coni, ed è molto importante che il calcio sia nella Giunta. Il suo peso, non solo del mondo che rappresenta, ma anche per la sua personalità, è una garanzia. Aiuterà moltissimo, sono felice che il calcio torni in Giunta con Gabriele”, le parole di Malagò.

“Anche l’Abruzzo potrà beneficiarne: il presidente Malagò ha dimostrato sempre grande attenzione alla nostra terra, ai progetti e alle iniziative che abbiamo messo in campo a sostegno di questo comparto così importante e strategico. Sono certo che in futuro questo rapporto potrà ulteriormente rinsaldarsi”, conclude Liris.

Malagò è al terzo mandato, è in carica dal 19 febbraio 2013. Ora si svolgeranno le elezioni per la nomina della giunta. Ecco le prime parole del vincitore: “Sarà il terzo mandato, l’ultimo. Non mi risparmierò per essere forti e credibili in questo momento di tempesta. Non c’è niente di più bello di fare il presidente del Coni. Sarò sempre dalla parte dello sport. Un grazie anche ai miei avversari, solo elettorali”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: