CONSIGLIO ABRUZZO: PASSO FALSO CENTRODESTRA, DOPO MANCANZA NUMERO LEGALE, PDL IN ORDINE DEL GIORNO

29 Giugno 2021 13:05

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA – E’  cominciato con il piede sbagliato per il centrodestra il consiglio regionale di oggi, andando sotto in occasione del voto ad inizio seduta per inserire all’ordine del giorno un progetto di legge sulla tutela dei minori, che già era stato duramente criticato dalle opposizioni, e in particolare dal capogruppo del Pd Silvio Paolucci, per il rischio di trasformarsi in aula una legge omnibus, a suon di emendamenti e sub emendamenti. Poi serrate le fila il centrodestra ha trovato i numeri, ma con l’impegno di non inserire modifiche e aggiunte al provvedimento.

Subito all’attacco il capogruppo del Movimento 5 stelle, Sara Marcozzi, che ha parlato “un consiglio regionale al mese che reca un ordine del giorno vuoto tanto da essere costretti a ricorrere continuamente a provvedimenti fuori sacco. Oggi si aggiunge persino la mancanza di numero legale in consiglio… questo è il Governo Marsilio, questa la maggioranza di centrodestra. Nessun provvedimento utile agli abruzzesi e alle nostre imprese che da oltre un anno aspettano i contributi stanziati dal Cura Abruzzo 1 e 2”.

Incalza Paolucci: “tanto tuonò che piovve: dopo oltre un mese di inattività del Consiglio e una gestione dissennata dei lavori, la maggioranza di centrodestra non riesce ad assicurare nemmeno il numero legale perché la seduta cominci (si sono fermati a 14), rendendo così palese le difficoltà interne e di capacità di guida della Regione”, così i consiglieri di centrosinistra sulla situazione in Consiglio regionale.

“L’unica cosa che unisce questo governo regionale è la possibilità di spartirsi poteri e nomine per accontentare amici e referenti politici – tuonano i componenti dei gruppi Pd, Legnini Presidente, Abruzzo in Comune e Gruppo misto – o governare attraverso leggi Omnibus, come tenteranno di fare anche stavolta, nella totale assenza di programmazione”.

All’ordine del giorno due provvedimenti amministrativi, uno sulla modifica al Piano Regionale Paesistico nell’ambito della procedura di Variante al Piano Regolatore Generale del Comune di Roccaraso (AQ) e l’altro sul bilancio di previsione del Consiglio regionale 2021/2023.  Sarà  discussa la richiesta di attivazione di un’indagine conoscitiva sulla situazione dei minori dati in affido nella regione Abruzzo, presentata dai consiglieri Guerino Testa e Mario Quaglieri e dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis. L’indagine riguarderà anche i risultati delle azioni di controllo sulle strutture destinate all’affido dei minori e l’adeguatezza del loro personale.

Questo l’elenco delle interrogazioni e interpellanze: “Fusione per incorporazione delle Società per azioni FIRA (Finanziaria Regionale Abruzzese) e Abruzzo sviluppo” (Silvio Paolucci); “Verifica conformità documentazione prodotta con il bando di affidamento della concessione di acque minerali ‘S. Antonio – Sponga’ in Comune di Canistro (AQ)” (Pierpaolo Pietrucci e Silvio Paolucci). I “Bando di concorso per 8 posti da Dirigente Amministrativo – contabile” (Paolucci); “Riapertura dello stabilimento termale di Caramanico Terme (PE)” (Domenico Pettinari, M5s); “Promozione del turismo nel territorio delle ex comunità montane Val di Sangro e Medio Sangro” (Domenico Taglieri, M5s); “Potenziamento della qualità dell’offerta dell’edilizia sanitaria in provincia di Teramo – Ospedale città di Teramo” (Dino Pepe, Pd); “Strada provinciale 614 – La Maielletta” (Antonio Blasioli, Pd).

 

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: