CONSIGLIO ABRUZZO: REIMPIEGO EX LAVORATORI CIAPI, AUTOCLAVI CONTRO CRISI IDRICA, I LAVORI

2 Agosto 2022 22:45

Regione - Consiglio Regionale

L’AQUILA – Definito il percorso di reimpiego per gli ex dipendenti Ciapi, concluso il processo di incorporazione della società ‘Abruzzo Sviluppo’ in ‘Fi.R.A.’, approvata la realizzazione del “Giardino della Memoria delle vittime della sciagura di Rigopiano” così come misure per limitare il disagio dalla carenza idrica, come gli incentivi per l’acquisto e l’installazione di impianti autoclave.

Sono solo alcuni dei numerosi provvedimenti approvati oggi dal Consiglio regionale d’Abruzzo.

“Questa sera, il nostro Consiglio regionale, ha donato all’Abruzzo leggi importanti che creano cambiamento reale in settori strategici: dalla cultura alle infrastrutture, dalla valorizzazione dei borghi al ricordo della tragedia di Rigopiano”. Il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Lorenzo Sospiri, in una nota, si dice “soddisfatto di una lunga giornata di lavori, iniziata con un confronto serrato nelle commissioni e conclusa, in tarda serata, con una seduta consiliare che sulla maggior parte dei provvedimenti ha visto un’aula lavorare con serenità”.

“Oggi siamo riusciti a concludere il processo di incorporazione della società ‘Abruzzo Sviluppo’ in ‘Fi.R.A.’, salvaguardando posti di lavoro, razionalizzando gli incarichi, con la creazione di un ente strumentale dedicato alla programmazione comunitaria. Ulteriori interventi hanno riguardato il potenziamento dell’osservatorio regionale di Polizia locale, il sostegno alimentare delle persone in stato di povertà e diversi contributi in materia di assistenza sociale, sanità e associazionismo”.

“Più di 800mila euro – specifica Sospiri – saranno destinati alle misure a sostegno della popolazione per limitare il disagio dalla carenza idrica e una nuova legge andrà a tutelare i tanti artisti abruzzesi esclusi dal ‘Fondo Unico per lo Spettacolo’, con uno stanziamento di 250mila euro per ciascuna annualità 2022-2024”.

“Sono orgoglioso, infine – dichiara il presidente del Consiglio – che questa Assemblea abbia unanimemente votato per l’istituzione e la realizzazione del giardino della memoria delle vittime della sciagura di Rigopiano. Un gesto dovuto alle famiglie e a tutto l’Abruzzo”

Tra gli emendamenti approvati oggi quello che prevede il reimpiego, tramite selezione pubblica, dell’ex personale dell’Associazione Ciapi – ormai in liquidazione – al fine di valorizzarne le competenze e la professionalità acquisite nel corso degli anni.

Il tema era stato proposto dai consiglieri Antonio Blasioli e Silvio Paolucci con uno specifico emendamento, poi trasfuso in un emendamento di Commissione che reca la firma anche del presidente della Commissione I Fabrizio Montepara.

Nella legge che dispone la fusione per incorporazione di Abruzzo Sviluppo nella società Fi.R.A. S.p.A. Unipersonale, il nuovo soggetto societario si arricchirà delle funzioni originariamente attribuite all’Associazione Ciapi nel settore della formazione e per far fronte a questo saranno tenute in considerazione le esperienze lavorative degli ex dipendenti Ciapi.

“La vicenda reclamava da tempo una soluzione adeguata – spiega Blasioli in una nota -, e siamo felici che la nostra proposta abbia incontrato il favore dei colleghi della maggioranza. Dopo un calvario lungo tre anni, caratterizzato da promesse di riassorbimento disattese ed estenuanti battaglie giudiziarie per il pagamento degli stipendi, siamo finalmente in grado di dare una risposta concreta a circa sei lavoratori già raggiunti dal provvedimento di licenziamento, nonché ai sindacati e agli amministratori locali che si erano mobilitati dopo lo smantellamento del Ciapi predisposto dall’attuale Giunta regionale”.

“Da parte nostra c’è sempre stata la chiara volontà di tutelare il futuro occupazionale di chi non ha alcuna responsabilità in relazione alla spiacevole vicenda del Ciapi e negli ultimi mesi è dovuto arrivare a pignorare i conti della Regione Abruzzo per vedersi corrispondere quanto dovuto”.

In una nota i consigliere regionali Mauro Febbo e Fabrizio Montepara commentano: “Con l’espletamento del processo di fusione per incorporazione di Abruzzo e Sviluppo Spa e Fira Spa  si pone fine a una triste vicenda che si trascina da anni e riguarda la ricollocazione del personale ex Ciapi. Con la revoca dell’accreditamento da parte della giunta regionale targata D’Alfonso-Paolucci risalente al 2018 si era decretata la fine del glorioso ente di formazione della Regione Abruzzo”.

“Nel 2019 – ricordano i due consigliere di centrodestra -, il nuovo governo regionale ha provveduto a mettere in liquidazione l’associazione nominando un liquidatore. Al termine del processo di liquidazione una parte dei dipendenti del Ciapi, 5/7 lavoratori, nonostante le professionalità acquisite, è rimasta senza impiego con  difficoltà di  ricollocazione  anche a causa dell’età. Questa maggioranza di centrodestra aveva preso l’impegno di trovare una soluzione alla vicenda, compatibilmente con le disposizioni giuslavoristiche, proprio in sede di fusione tra Abruzzo Sviluppo e Fira. Oggi il percorso è stato portato a compimento e in collaborazione con il collega Montepara abbiamo sottoscritto un emendamento,  approvato all’unanimità dal Consiglio, e  siamo riusciti a garantire la ricollocazione del personale in esubero. Si pone così fine a questa annosa vicenda con   l’obiettivo di non disperdere il patrimonio funzionale e professionale del Ciapi Abruzzo valorizzando l’esperienza professionale maturata nel settore della formazione”.

Durante il Consiglio regionale è stato poi approvato un progetto di legge “a cui la Lega lavorava da tempo, che ha l’obiettivo di limitare i disagi derivanti dalla carenza idrica incentivando, con lo stanziamento di specifici fondi, l’istallazione di impianti di autoclave e serbatoi di accumulo idrico negli edifici residenziali. Oggi le famiglie abruzzesi hanno ottenuto un grande risultato!”, spiega Vincenzo D’Incecco, capogruppo della Lega in Consiglio regionale.

“Questo progetto, finanziato con oltre 850 mila euro, è teso a garantire sia un ottimale condizione igienico-sanitaria avendo un sicuro afflusso idrico, e anche migliorare  il patrimonio residenziale esistente. È previsto un contributo a fondo perduto, erogato dall’ERSI, tra i 250 euro e i 1.500 euro per ciascun edificio idoneo. Questa idea – sottolinea D’Incecco – è figlia dell’ascolto del territorio e dei cittadini che, insieme a molti Consigli Comunali, denunciano questi gravi disagi, per questo il risultato ottenuto oggi è importate per dare una mano alle famiglie abruzzesi che necessitano di un bene prezioso come l’acqua. Un sincero ringraziamento va rivolto al gruppo consiliare della Lega Chieti che, insieme all’ex consigliere Marco Di Paolo, hanno lavorato senza sosta per la redazione di questa legge”.

E poi è stata approvata all’unanimità la proposta di legge della Lega per partecipare, insieme al comune di Farindola, alla realizzazione del “Giardino della Memoria delle vittime della sciagura di Rigopiano”.

“È un atto doveroso per conservare la memoria delle 29 persone – dice D’Incecco – Il giardino della memoria prevede l’istallazione delle opere donate dalla comunità sarda di Orosei la statua di una Madonna e 29 cubi dorati, e di una stele commemorativa con incisi i nomi delle vittime. Questo spazio sarà di stimolo per svolgere iniziative, incontri e momenti di riflessione” e conclude: “Per la nostra comunità questa è ancora una ferita aperta, dunque sono onorato di aver portato all’attenzione del Consiglio Regionale un importante progetto del comune di Farindola e sono contento che sia stato condiviso anche dall’intero assise regionale facilitando così il percorso normativo e quindi la rapida realizzazione”

 

CONSIGLIO REGIONALE, I LAVORI

Nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale sono stati discussi i seguenti documenti politici: l’interrogazione sul “Concorso Aziende Sanitarie Locali Collaboratori Amministrativi Professionali – Categoria D”; le interpellanze: “Ritardi nelle disposizioni attuative L.R. 21 dicembre 2021, n. 28”; “Unità immobiliari per emergenza abitativa ATER di Teramo”; “I lavori al porto di Giulianova”; “Abruzzo Regione del Benessere”; “Carenza di risorsa idrica in Abruzzo”; “Fondi a favore dei centri antiviolenza per sostegno abitativo, reinserimento lavorativo, accompagnamento delle donne nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza”; “Mancanza personale medico presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile SS. Nicola e Filippo di Avezzano”.

È stato approvato il provvedimento amministrativo relativo alla riprogrammazione regionale delle Volumetrie residue derivanti dalla DCR n.110/8 del 02 07 2018″ che riguarda i consorzi Ecolan, Civeta e Cogesa.

Approvati i seguenti Progetti di legge: “Modifiche alla legge regionale 3 marzo 2010, n. 7 (Disposizioni regionali in materia di espropriazione per pubblica utilità)”;

“Modifiche legislative per la conclusione del procedimento di fusione per incorporazione della Società Abruzzo Sviluppo nella Società Fi.R.A. e disposizioni in materia di società in house della Regione”;

approvato un emendamento riguarda la ricollocazione del personale del Ciapi valorizzandone l’esperienza maturata nel settore della formazione; “Istituzione del premio One Health Award” per attribuire un riconoscimento formale ai migliori scienziati che si sono distinti nell’ambito della Salute Unica e Globale e in particolare sull’interconnessione tra salute animale, equilibrio ambientale ed esistenza umana.

Successivamente, l’Assemblea legislativa ha approvato altri due provvedimenti amministrativi: “Procedimento tecnico-amministrativo per il rilascio delle concessioni di acqua pubblica: adozione dell’istituto della conferenza decisoria ai sensi della L. 241/90 e s.m.i. – Approvazione criteri di esclusione delle istanze di concessioni preferenziali e in sanatoria con prelievi in atto dalla valutazione ambientale ex-ante”; “Comune di Monteferrante (CH) – Modifica puntuale al Piano Regionale Paesistico (P.R.P.) nell’ambito della procedura di Variante al Piano Regolatore Esecutivo (P.R.E.) del Comune di Monteferrante (CH) per la realizzazione del Centro Operativo Comunale”.

Licenziato anche il progetto di legge “Disposizioni contabili per la gestione del bilancio 2022-2024 ed ulteriori disposizioni urgenti e indifferibili”. Tra gli interventi previsti dal provvedimento ci sono: incentivi all’associazionismo comunale (300 mila euro per il 2022 e 1 milione 500 mila euro per ciascuna annualità del 2023 e 2024), potenziamento dell’Osservatorio regionale di Polizia locale (100 mila euro) e dell’attività formativa del personale (90 mila euro); contributo alla Croce Rossa Italiana – Comitato di Penne (70 mila euro); sostegno alimentare delle persone in stato di povertà (100 mila euro); contributo alle sezioni provinciali abruzzesi dell’Ente nazionale Sordomuti (60 mila euro); contributo all’associazione Famiglia abruzzese per l’organizzazione dell’evento in onore dei 50 anni dell’associazione (10 mila euro); intervento progetto “Borghi più belli” (200 mila euro); contributo al Comune di Vasto (40 mila euro); fondi per la compartecipazione della Regione al Programma di finanziamenti per le esigenze di tutela ambientale connesse al miglioramento della qualità dell’aria e alla riduzione di materiale particolato in atmosfera nei centri urbani (877 mila euro per il 2022; 2.046.800 per il 2023; 3.174.000 per il 2024); rifinanziamento della legge “Contributo a sostegno dell’acquisto di dispositivi per contrastare l’alopecia secondaria e attività in favore dei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia” (100 mila euro per il 2022 e 250 mila euro sia per il 2023 sia per il 2024); contributo una tantum per i lavoratori delle Asp abruzzesi (500 mila euro) e contributo alle Residenze protette private (500 mila euro).

Licenziato il provvedimento amministrativo “Modifica al Piano faunistico Venatorio regionale – Atc di Pescara – spostamento dell’area cinofila di tipo B “Colle di Sale” per la creazione di una nuova area cinofila di tipo B “Città Sant’Angelo”.

Approvati infine i progetti di legge: “Norme per il sostegno e la promozione delle attività d’ambito teatrale svolte da soggetti extra FUS” che intende porre l’attenzione su un settore, quello dello spettacolo dal vivo di ambito teatrale all’interno del quale operano numerosi professionisti; “Misure a sostegno della popolazione atte a limitare il disagio dalla carenza idrica” relativo agli incentivi per l’acquisto e l’installazione di impianti autoclave e serbatoi di accumulo idrico negli edifici residenziali (finanziamento di 859.540 euro per il 2022); “Istituzione e realizzazione del giardino della memoria delle vittime della sciagura di Rigopiano” (40 mila euro).

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: