CONSIGLIO ABRUZZO, SOLDI A PIOGGIA A NOTTE FONDA: AIUTI PER BOLLETTE, SAGRA CARCIOFI, PREMI E RADIO

REGIONE ABRUZZO: DOPO LUNGA BATTAGLIA IN AULA E OSTRUZIONISMO OPPOSIZIONI APPROVATO ALLE 1.30 MAXIEMENDAMENTO DA 14 MILIONI. TUTTE LE VOCI, 5 MILIONI PER SOSTENERE FAMIGLIE VITTIME DEL CARO BOLETTE, RIFINANZIATA VITA INDIPENDENTE, RISORSE PER CENTRI ANTIVIOLENZA. PETTINARI IN AULA CON CAPPELLO GDF E MEGAFONO.

30 Novembre 2022 09:00

Regione - Consiglio Regionale

L’AQUILA – Dopo una battaglia campale in aula, con uno scontro durissimo tra maggioranza di centrodestra e opposizioni di centrosinistra e Movimento 5 stelle, alle ore 1,30 di notte è stato approvato a maggioranza nel consiglio regionale d’Abruzzo, l’assestamento al Bilancio di previsione 2022-2024, e un maxi-emendamento che stanzia risorse contro il caro bollette a favore delle famiglie indigenti, per la legge Vita indipendente a favore dei disabili, per la Protezione civile, per realizzare case dello studente a Chieti e Pescara, per le terme di Caramanico, per il fermo pesca.

Ma anche per la tradizionale, puntualmente contestata e lunga raffica di fondi a pioggia, a discrezione dei vari consiglieri, questa volta ad esempio per il festival del carciofo di Cupello, per la Giostra cavalleresca di Sulmona, per la federazione Italiana Giuoco Handball, per l’Irish festival di Notaresco, per il sostegno alle imprese radiofoniche locali abruzzesi,  per il premio “Pigro – Ivan Graziani”.

E  ancora 104 mila euro per “organizzazione di eventi, mostre e manifestazioni culturali”, 290 mila euro “per i soggetti non beneficiari dei finanziamenti ministeriali”. In tutto 14 milioni di euro, e questo perchè  già dal 2023 la Regione può beneficiare di 36 milioni di euro liberati “dalle minori quote del piano di ammortamento del disavanzo” che da ottobre scorso è stato spalmato in venti anni, e non più in dieci, come imponeva la Corte Costituzionale.

La fumata bianca è arrivata però dopo ore ed ore di battaglia in aula, con il duro ostruzionismo delle opposizioni, e con la maggioranza che ha applicato il regolamento e ha contingentato il dibattito e limitato la presentazione di emendamenti, con la cosiddetta “tagliola”. In una seduta connotata anche dall’assenza del presidente della Regione Marco Marsilio, che era in missione a Bruxelles, e che venerdì scorso aveva lanciato pensatissime bordate contro le minoranze, accusandole di “ostruzionismo pagliaccesco” in prima commissione Bilancio di giovedì, motivato solo “dall’intenzione di ricattare la maggioranza e far approvare le loro marchette elettorali”, ribaltando insomma le accuse delle opposizioni a proposito dei fondi a pioggia, che al di là delle paternità, sono arrivati lo stesso.

Anche l’assessore al Bilancio e personale, Guido Liris, neosenatore di Fdi, si è visto per poco e solo in serata, e a quanto si apprende rimarrà ancora con il doppio ruolo, rinviando il più possibile le dimissioni da assessore.

Prima della conclusione dei lavori, il capogruppo di Fratelli d’Italia, Guerino Testa, eletto alla Camera dei Deputati, sempre per Fdi, ha invece preso la parola per salutare l’Assemblea e in giornata protocollerà le sue dimissioni da consigliere regionale. Sarà sostituito dal primo dei non eletti nel 2019 a Pescara, Leonardo D’Addazio.  L’ex Movimento 5 Stelle Marco Cipolletti, ieri ha sancito il suo passaggio in maggioranza, sedendo nei banchi di Fratelli d’Italia.

In serata e nella notte non sono mancati gli attacchi alla maggioranza da parte delle minoranze dopo le proteste anche clamorose durante tutta la giornata come quella di Domenico Pettinari che in aula ha indossato un  cappello della guardia di finanza,  armato anche di un megafono  durante la riunione delle commissioni congiunte.

“Dopo ore di ostruzionismo sono stato costretto ad indossare un cappello della Benemerita Guardia di Finanza in aula, munito di megafono per non farci togliere la parola – ha spiegato Pettinari -. Utilizziamo tutti gli strumenti consentiti per combattere a testa alta e con la schiena dritta senza fare sconti a difesa degli interessi dei cittadini . Il nostro costruzionismo non arretrerà di un millimetro. Avanti senza mollare!”. Pettinari ha attaccato i consiglieri di centrodestra anche per il bivacco sui banchi “dove si mangia pizza e si sorseggiano coca cola e aranciate, in barba al rispetto per le istituzioni”.

Il capogruppo M5s Francesco Taglieri ha rivendicato il merito per i 5 milioni sul caro bollette, “una vittoria per i cittadini che ieri hanno avuto l’ennesima prova di come, anche davanti a una maggioranza sorda e disattenta come quella del centrodestra, il Movimento 5 Stelle è disposto a non lasciare i banchi del Consiglio per giornate intere pur di vedere tutelati i diritti degli abruzzesi”.

Ostruzionismo anche da parte del centrosinistra che poi ha sotterrato l’ascia di guerra solo a tarda notte, e ha commentato il consigliere regionale del Pd Pierpaolo Pietrucci: “Portiamo a casa dei risultati per le parti dell’Abruzzo che stanno soffrendo di più il caro energia. 5 Milioni di euro per le famiglie più bisognose a partire dal 2023. Stanziamenti adeguati per la Vita Indipendente e per gli impianti pubblici sportivi più energivori al chiuso. Registriamo anche l’apertura  per le imprese per il caro energia, per ora solo una piccola fessura, che ci permetterà di proseguire con le nostre battaglie. L’ostruzionismo e le barricate portate avanti da centrosinistra ed M5s non sono state vane. Avanti con Progetto Abruzzo”.

Centrosinistra e pentastellati hanno puntato il dito sull’assenza di Marsilio, Liris ed anche del vicepresidente Emanuele Imprudente. “Cessiamo la nostra protesta se ci portate le dimissioni da assessore del senatore Liris”,  ha tuonato ancora Pettinari.





A difesa della maggioranza è sceso in campo in particolare il capogruppo di Forza Italia, Mauro Febbo, grande tessitore insieme al presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, che ha lasciato per lunghi tratti il ‘comando’ delle operazioni al suo vicario Roberto Santangelo.

“Le minoranze parlano di spaccature nel centrodestra ma dimenticano che nella precedente legislatura di Luciano D’Alfonso per 18 mesi, ben tre assessori non hanno partecipato alle riunioni di giunta – ha rivendicato Febbo -. In questi 48 mesi quante volte questa maggioranza è andata sotto? Ricordate la legge tagliola che noi di Forza Italia abbiamo criticato dai banchi della opposizione? Siete stati voi del centrosinistra che oggi lanciate accuse dalla opposizione ad averla introdotta. E che dire delle delibere di Giunta che venivano pubblicate sul sito solo dopo la firma di D’Alfonso che metteva il sigillo quando gli girava”. E ha ricordato anche a proposito di spaccature,  anche della rissa sfiorata tra Pietrucci e D’Alfonso.

Febbo ha rivendicato il fatto che “il centrodestra sta governando bene”, e sottolineando che “non è un caso che le opposizioni hanno alzato il tiro dopo il 25 settembre quando la vittoria netta della coalizione ha fatto capire che alle elezioni regionali vinceremo di nuovo qui in Abruzzo”.

“I lavori di oggi hanno segnato un importantissimo passo nella gestione delle più importanti situazioni di emergenza economica regionale. Ringrazio maggioranza e opposizione”, ha detto il presidente del Consiglio Sospiri.

Questa lunga battaglia è stato un assaggio della vicina sessione di bilancio ed ha inaugurato la lunga campagna elettorale per le elezioni del febbraio del 2024. Con centrosinistra e M5S che fanno prove di alleanza confermando la immagine di compattezza come accade da molte settimane.

Il  capogruppo della Lega in Consiglio Regionale, Vincenzo D’Incecco, ha invece detto che “nella lunghissima sessione terminata questa notte del Consiglio Regionale abbiamo approvato un emendamento, nell’esercizio 2023, da 5 milioni di euro per le famiglie abruzzesi con condizioni economiche più complicate  ed un assestamento di bilancio da oltre 4 milioni di euro per garantire un valido sostegno a consorzi di bonifica, ASP, ARAP, i centri anti violenza, le organizzazioni del terzo settore e un ulteriore stanziamento, dopo quello dell’assessore Nicola Campitelli alle piscine, alle associazioni sportive che gestiscono impianti pubblici per fronteggiare il caro bollette”.  E sottolinea “Tutto ciò è stato possibile nonostante un incessante ostruzionismo delle opposizioni, dentro e fuori l’aula con una mistificazione del lavoro di questa maggioranza resa all’opinione pubblica. Sebbene questo il centrodestra a trazione Lega è riuscito comunque a dare un forte segnale per fronteggiare i problemi del momento e sostenere famiglie, imprese, associazioni e modo del terzo settore”.

“Il Consiglio regionale ha approvato un emendamento a mia firma che incrementa di 100mila euro i fondi regionali a sostegno dei centri antiviolenza e delle case rifugio. Un risultato importante e concreto, con cui si stanziano risorse in supporto a quei presidi sul territorio che svolgono un compito di straordinaria importanza, a sostegno delle donne che subiscono violenze e che non devono essere lasciate sole”così il Consigliere regionale e Presidente della Commissione d’inchiesta sull’emergenza idrica Sara Marcozzi.

I gruppi regionali di centrosinistra a rendiconto dei lavori de  hanno espresso “una certa soddisfazione per aver portato a casa buoni risultati grazie agli emendamenti presentati alla discussione”. Come vedete non eravamo matti perché i fondi ci sono e le marchette sono state quelle del centrodestra con il finanziamento del festival del carciofo, per l’handball e i soldi per vari festival”, ha detto Antonio Blasioli.

E ha chiosato il capogruppo Silvio Paolucci “continueremo sin da domani la nostra battaglia per ottenere altri fondi per famiglie e imprese e mi riferisco alle risorse rimodulabili per quel che concerne i fondi strutturali europei.

Il vicepresidente della giunta regionale con delega all’agricoltura Emanuele Imprudente ha evidenziato che il “Consiglio regionale, nella seduta di ieri, ha approvato uno stanziamento a favore dei Consorzi di bonifica abruzzesi pari a 1,5 milioni di euro per concorrere agli aumenti di spesa per utenze energetiche”.

IL MAXI EMEDAMENTO





Ecco dunque il lunghissimo elenco di stanziamenti previsti nel maxiemendamento.

Al fine di  “fronteggiare la crisi economica e sociale derivante dall’aumento di spesa per utenze energetiche, in aggiunta alle misure straordinarie previste da provvedimenti legislativi dello Stato, l’Esecutivo regionale stanzia sull’esercizio 2023, del Bilancio di Previsione finanziario 2023-2025, un Fondo per il sostegno alle famiglie che versano in situazioni di disagio economico con dotazione non inferiore all’importo di euro 5.000.000.

Vanno poi 260 mila euro per l’Istituzione Sinfonica abruzzese, 60 mila euro per la valorizzazione del sito archeologico Juvanum – Parco nazionale della Maiella, 25 mila euro per la Giostra cavalleresca di Sulmona, 15 mila per il premio giornalistico “Antonio Russo”, 260 mila euro per l’organizzazione di grandi eventi, 20 mila euro per il Festival del Carciofo di Cupello, 10 mila euro per l’Irish festival di Notaresco.

Fondi per il progetto “Bike to coast for everyone” pari a 120 mila euro; 2.900.000 euro per la concessione di credito a medio lungo termine in favore dell’Adsu Chieti –Pescara per la realizzazione delle residenze universitarie; contributo di 150 mila euro al Comune di Caramanico per lo sviluppo del turismo invernale, 1 milione di euro da destinare ai gestori di impianti sportivi pubblici estremamente energivori al chiuso, per concorrere agli aumenti di spesa per le utenze energetiche.

E ancora: 7 milioni e 500 mila euro per la copertura dei debiti fuori bilancio relativi al 2022; 78 mila euro per incrementare le conoscenze scientifiche propedeutiche alla definizione degli scenari di evento e delle conseguenti attività progettuali per la mitigazione del rischio idrogeologico, anche mediante convenzioni con le Università; 300 mila euro per il Fondo unico delle politiche della pesca; ulteriori 200 mila euro da destinare all’Agenzia regionale di Protezione civile.

Proseguendo, troviamo gli interventi in materia di cultura e spettacolo (104 mila euro per organizzazione di eventi, mostre e manifestazioni culturali, 290 mila euro per i soggetti non beneficiari dei finanziamenti ministeriali); 100 mila euro per gli interventi straordinari per il sostegno alle imprese radiofoniche locali abruzzesi; contributo alla Federazione Italiana Giuoco Handball pari a 200 mila euro; 43 mila euro per l’acquisto di materiale promozionale per fiere e borse dell’artigianato e del turismo.

Scorrendo l’elenco ci sono anche contributi straordinari per l’emergenza energetica destinati agli Enti sub regionali (500 mila euro per le ASP; 500 mila euro per Arap; 1.500.000 per i Consorzi di Bonifica); 500 mila euro per incrementare il Fondo di sussidiarietà; 100 mila euro per il rifinanziamento della Legge regionale che prevede promozione e sostegno ai centri antiviolenza e delle case di accoglienza per le donne maltrattate; 30 mila euro quale contributo al premio “Pigro – Ivan Graziani”.

ALTRI PROGETTI DI LEGGE APPROVATI

Nel corso della seduta, l’Assemblea legislativa regionale ha approvato il Bilancio di previsione del Consiglio regionale per il triennio 2023/2025; votati a maggioranza anche due progetti di legge che riguardano il riconoscimento di debiti fuori bilancio relativi al pagamento in favore della società in house “Tecnostruttura delle Regioni per il Fondo Sociale Europeo” – Saldo annualità 2020 – per attività di supporto tecnico all’Autorità Audit nel “Programma Complementare di Azione e Coesione per la Governance dei Sistemi di Gestione e controllo 2014/2020”, cofinanziato dall’Unione Europea, e i progetti Speedy e Future Medicine finanziati dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA-Adriatic 2007-2013.

Voto favorevole per il Provvedimento amministrativo “Bilancio di previsione 2022/2024 Annualità 2022 – III variazione: accertamento entrate vincolate, imputazione su corrispondenti capitoli di spesa a destinazione vincolata, ricognizione economie e implementazione degli stanziamenti su relativi capitoli di spesa”. Approvato a maggioranza il Rendiconto generale della Regione Abruzzo per l’esercizio 2021.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©
  1. CONSIGLIO: FEBBO, “NESSUN CEDIMENTO, DA OPPOSIZIONI VERSIONE DISTORTA REALTÀ”
    L'AQUILA - "Desta stupore e incredulità il racconto delle opposizione circa i lavori e i documenti approvati in nottata dal Consiglio regionale. Dopo...
  2. CONSIGLIO: PD, “GRAZIE A NOI FONDI PER FAMIGLIE E IMPRESE, MARCHETTE DAL CENTRODESTRA”
    PESCARA - I gruppi regionali di centrosinistra a rendiconto dei lavori del Consiglio regionale protrattosi fino a notte fonda hanno espresso "una cert...
  3. CONSIGLIO REGIONALE: SOSPIRI, “INTERVENTI NECESSARI E OPPOSIZIONI ASCOLTATE”, IL “GRAZIE” A TESTA
    L'AQUILA - "I lavori di oggi hanno segnato un importantissimo passo nella gestione delle più importanti situazioni di emergenza economica regionale. ...
  4. CONSIGLIO: TAGLIERI, “SU CARO ENERGIA OTTENUTO UN PRIMO RISULTATO, MA È SOLO L’INIZIO”
    L'AQUILA -  "E' stata una nottata lunghissima quella del Consiglio regionale. La seduta si è conclusa in tarda notte e dopo centinaia di emendamenti...
  5. CONSIGLIO: D’INCECCO, “RISPOSTE A CITTADINI, NONOSTANTE OSTRUZIONISMO OPPOSIZIONI”
    PESCARA - "Nella lunghissima sessione terminata questa notte del Consiglio Regionale abbiamo approvato un emendamento, nell'esercizio 2023, da 5 milio...


Ti potrebbe interessare: