• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: A PESCARA DOPPIO PERCORSO NASCITA, ALGORITMO PER MAGGIORE SICUREZZA

Pubblicazione: 01 aprile 2020 alle ore 19:30

ROMA - Parto in sala Covid all'ospedale di Pescara lo scorso 23 marzo.

Qui già da almeno 20 giorni era stato attivato il doppio percorso per partorienti affette da Covid-19 e partorienti senza contagio.

E per un filtro attento il reparto ha ideato anche un algoritmo per attivare i percorsi in piena sicurezza.

A fare il punto è il primario di Ginecologia, Maurizio Rosati, direttore Dipartimento Materno-Infantile UOC Ostetricia e Ginecologia del nosocomio.

"Ho predisposto una sala parto, una sala tagli cesarei e letti riservati e debitamente isolati per prodromi e puerperio, appositamente per le gravide sospette Covid+, con punto di triage e video informativi all'ingresso del blocco parto. In questo momento è importante e tranquillizzante mostrare alle pazienti che c'è organizzazione e rigore".

In particolare, "per le partorienti positive - spiega Rosati all'Ansa - abbiamo attivato la zona triage pazienti gravide; un video informativo su Covid-19 e uscita sala parto Covid+; ingresso blocco parto con video informativi".

A destra il monitor con informazioni sale parto standard, a sinistra con informazioni sala parto Covid. Inoltre ingresso sala parto riservato al personale; uscita sala parto riservata al personale; accettazione pronto soccorso Covid; e poi sala parto Covid".

Inoltre "sono stati predisposti 2 letti travaglio parto per Covid e 4 letti travaglio parto per non Covid. A partorire in area Covid, riferisce Rosati, una donna di 41 anni. Il parto è avvenuto il 23 marzo. "Un maschietto di 3 chili e 180 grammi in buona salute risultato negativo al tampone per Coronavirus".

La paziente, dopo tre giorni di degenza in stanza riservata ai Covid positivi, è stata dimessa insieme al bimbo, entrambi asintomatici e in buone condizioni generali. A domicilio la madre farà i controlli di routine riservati ai pazienti asintomatici positivi. Il neonato ripeterà il tampone dopo 2 e 4 settimane.

"L'ospedale - conclude Rosati - con regole e filtri, deve funzionare. Fare terrorismo è la cosa più sbagliata, altrimenti si rischia di arrivare in gravi condizioni".

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui