• Abruzzoweb sponsor

CORONAVIRUS: ASSEMBRAMENTO PER CORTEO FUNEBRE MIMMO GROSSO, E' POLEMICA A PESCARA

Pubblicazione: 10 aprile 2020 alle ore 13:48

PESCARA - Accertamenti delle forze dell'ordine sono in corso a Pescara su quanto accaduto ieri per l'ultimo saluto a Mimmo Grosso, storico leader della marineria del capoluogo adriatico, morto in ospedale con il Covid-19 anche a causa di patologie pregresse. Dal servizio funebre all'assembramento che si è creato sulla banchina del porto, sembra che siano già state riscontrate diverse violazioni dei decreti del premier Conte finalizzati a contrastare la diffusione del coronavirus.

Gli investigatori stanno ora identificando i presenti, che dovrebbero essere sanzionati in base a quanto previsto dal Dpcm.

Dall'ospedale, la salma ha effettuato un passaggio davanti alla sua abitazione, poi sul molo Sud e su quello Nord, dove era ormeggiata l'imbarcazione di Grosso. E' proprio nel piazzale del molo Nord che si è creato l'assembramento. Gli operatori della marineria hanno fatto risuonare le sirene dei pescherecci e poi si sono stretti attorno ai familiari del loro leader.

Decine le persone presenti.

Diversi gli esponenti del mondo politico.

Seppur a distanza e per pochi istanti, c'erano, tra gli altri, anche il sindaco, Carlo Masci, il consigliere regionale Guerino Testa (Fdi), ex presidente della Provincia, e il presidente del Sib-Confcommercio, Riccardo Padovano.

Pescara, tra l'altro, è una delle città in cui le restrizioni sono più rigide. Le misure disposte al livello nazionale sono state rese ancora più stringenti con apposite ordinanze del sindaco. Vietate, ad esempio, l'attività motoria e le passeggiate, con tanto di sanzioni a runner sorpresi a correre in spiaggia. Ed è subito polemica.

"Con tutto il rispetto e il dolore per un tremendo lutto - dice il segretario regionale di SI, Daniele Licheri - questo non è possibile. È illegale e pericoloso un assembramento di questo genere. I miei concittadini dovrebbero chiedere conto a Carlo Masci che per l'ennesima volta dimostra tutta la sua inadeguatezza e il suo essere amico e sindaco di pochi e non di tutti. Rappresentare le istituzioni è una cosa seria. Condoglianze alle famiglie, a tutte, anche a quelle che da giorni contano i morti da casa perché gli è stato (giustamente) vietato di poter stare vicino ai propri cari".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui