• Abruzzoweb sponsor

OSPEDALE VASTO: SMARGIASSI, ''E' SERVITO UN ANNO PER CAPIRE CHE STRUTTURA STA CROLLANDO''

Pubblicazione: 03 luglio 2020 alle ore 18:16

VASTO - "Sono stati necessari i pezzi di soffitto caduti a terra e altri enormi problemi strutturali che emergono di continuo perché l'assessore Nicoletta Verì si accorgesse che l'Ospedale di Vasto sta crollando. Lo ha dichiarato lei stessa nella giornata di ieri, come riportato dalla stampa. È inaccettabile che un assessore faccia una dichiarazione così grave e non intervenga di conseguenza nelle sedi opportune". 

Così il consigliere regionale M5S Pietro Smargiassi, che aggiunge: "A questo punto, voglio avere una risposta chiara sul perché non si sia mai degnata di relazionare alla Commissione sanità sulle condizioni effettive in cui si trova il San Pio, nonostante le mie richieste che vanno avanti da oltre un anno. Cosa sta aspettando a spiegare ai cittadini e ai rappresentanti del territorio cosa deve essere fatto per evitare che altre parti di struttura crollino, mettendo a repentaglio la salute di operatori sanitari e utenti? Capisco che che sia più facile parlare direttamente con la stampa, rimanendo alla larga dal confronto diretto. Ed è ancora più facile farlo con la campagna elettorale nella città di Vasto alle porte. Il nostro territorio ormai si è abituato a questo modo di fare politica, lo vediamo ripetersi da decenni, con una continua propaganda sulla sanità puntualmente smentita dai fatti. Proprio come sta facendo il centrodestra da quando governa la Regione".

"Siamo tutti d'accordo sulla realizzazione di un nuovo ospedale, necessario non solo perché il San Pio adesso è in condizioni pessime ma anche perché non è più una struttura funzionale, ma un Assessore deve parlare portando delle prove. E allora entriamo nel dettaglio e raccontiamo ai cittadini ciò che lei stessa non ha detto alla stampa, e cioè che per la realizzazione di nuovi ospedali Regione Abruzzo ha a disposizione circa 220 milioni di euro. Le priorità individuate sono per i territori di Avezzano, Vasto e Lanciano, per realizzare tre nuove strutture. Ma dal momento che questi fondi non sarebbero sufficienti nemmeno per farne uno, su che base un Assessore che ha compiti di governo e gestione del territorio afferma ciò che dice. Non solo, ma ha anche evitato di dire che per costruirlo serviranno circa 10 anni. E nel mentre, cosa hanno intenzione di fare lei e la sua maggioranza?".

"La politica degli slogan non è più tollerabile, specialmente quando si parla di sanità e si ha a che fare con la vita dei cittadini. Fin dall'inizio della legislatura diciamo che il San Pio di Vasto ha bisogno di interventi di manutenzione e nessuno di questa maggioranza si è degnato di ascoltare. Adesso tutti i cittadini ne pagano le conseguenze. Invito l'assessore a smettere subito di fare dichiarazioni che sanno già di campagna elettorale, e venire a confrontarsi con noi, presentando immediatamente un piano serio di messa in sicurezza della struttura che è la cosa più urgente da fare. Nascondere la complessità della verità per il proprio tornaconto elettorale, è un atteggiamento davanti al quale non sono disposto a rimanere in silenzio", conclude Smargiassi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui