CONTINUA ASSALTO PESCATORI DI FRODO DA ALTRE REGIONI. ALTRI DUE FERMATI NEL MARE DI ROSETO

31 Ottobre 2022 09:57

Teramo - Cronaca

TERAMO – Continua il saccheggio al mare abruzzese, da parte dei pescatori di frodo , provenienti da altre regioni, in particolare dalla Campania, che fanno razzia in particolare di polpi, vongole e ricci di mare.

Dopo i recenti episodi sulla costa pescarese e chietina, questa volta due pescatori di frodo in trasferta, sono stati fermati a Roseto degli Abruzzi, dagli uomini dell’Ufficio Circondariale marittimo di Giulianova e dell’Ufficio Locale marittimo di Roseto.





L’operazione di contrasto alla pesca illegale è stata avviata a seguito di alcune segnalazioni di cittadini rosetani, allertati dalla presenza in mare di luci subacquee a ridosso della costa.

I militari della Capitaneria porto si sono appostati in piena notte sul litorale, sorprendendo i due pescatori appena usciti dall’acqua, che tentavano invano di ritornare in mare, con le reti piene di polpi.

Accompagnati presso la sede della Guardia Costiera di Giulianova, gli venivano contestate sanzioni di importo pari a 2000 euro, per aver effettuato attività di pesca subacquea in tempi vietati, sequestrate le attrezzature adoperate ed il prodotto ittico pescato illecitamente.





Il Comandante Alessio Fiorentino dell’Ufficio Circondariale marittimo di Giulianova evidenzia: “Grazie alla collaborazione dei cittadini siamo riusciti a contrastare un fenomeno di pesca illegale, organizzato da soggetti provenienti da altra regione, che causa un danno alla filiera della pesca, poiché queste attività determinano l’immissione di prodotto ittico non tracciato e creano un danno concorrenziale a discapito dei commercianti e dei pescatori che svolgono il proprio lavoro nel rispetto delle regole”.

Il prodotto ittico sequestrato, appena pescato ed in ottimo stato di conservazione, è stato donato alla Caritas diocesana di Teramo-Atri, previa attestazione della Asl di Teramo.

La presenza e le attività della Guardia Costiera, per la deterrenza e repressione della pesca di frodo, continueranno nei prossimi giorni anche nel resto del Circondario marittimo di Giulianova.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: