COSA VEDERE A PESCARA IN UN GIORNO
SETTE LUOGHI IMPERDIBILI

18 Settembre 2020 16:28

Hai in programma una breve visita a Pescara? Anche se hai a disposizione un solo giorno avrai la possibilità di visitare numerose location interessanti!
Se hai bisogno di suggerimenti per una vacanza,ti consigliamo divisitarela pagina Cosa vedere a Pescara sul portale turistico Pescarain.it che ti consentirà di approfondire le informazioni sui più importanti punti di interesse di questa incantevole località costiera.
Anche nelle prossime righe, tuttavia,ti aiuteremo ad avere informazioni utili per conoscere i posti più suggestivi di Pescara.

Ponte del Mare
Non si può che iniziare un tour di Pescara dal Ponte del Mare, se non altro perché si tratta del simbolo della città. Perché vederlo? Prima di tutto per la sua conformazione particolare, che si articola su una lunghezza complessiva di 466 metri, che possono essere percorsi dall’inizio alla fine; in secondo luogo, per i molti led colorati che illuminano il ponte durante le ore notturne.
Il Ponte del Mare offre anche un panorama magnifico sulla Majella e sul Gran Sasso, con paesaggi che sono particolarmente suggestivi in inverno, quando le cime sono innevate.

I trabocchi
Durante una gita di a Pescara, poi, non ci si può lasciare sfuggire l’occasione di visitare i trabocchi, punto di osservazione ideale per lasciarsi conquistare dalla grandiosità del mare.
I trabocchisono piattaforme sul mare che in passato erano utilizzate per la pesca. Molte di queste strutture nel corso del tempo sono state trasformate, e oggi sono ristoranti in cui ci si può concedere un’ottima scorpacciata a base di pesce.
La loro struttura originale, in legno, prevedeva la presenza di due bracci attaccati ad una rete, per mezzo della quale era possibile pescare.

La casa di Gabriele D’Annunzio
Per un tour culturale si può optare per la casa di Gabriele D’Annunzio: Pescara, infatti, è la città natale del Vate, che proprio qui ebbe modo di trascorrere la propria infanzia.
Visitare la sua casa è un’occasione da cogliere al volo anche per poter osservare un gran numero di cimeli e mobili originali che sono appartenuti all’autore de “La pioggia nel pineto”. Insomma, non una semplice abitazione, ma un vero e proprio museo che non di rado ospita esposizioni temporanee dedicate sia allo scrittore che alla poesia.
L’ingresso non è gratuito, ed è richiesto l’acquisto di un biglietto da 4 euro; per fortuna non ci sono giorni di chiusura e l’orario è continuato, dalle 8.30 del mattino alle 7.30 di sera.





La Pineta Dannunziana
A proposito di Gabriele D’Annunzio, poi, trascorrendo un giorno a Pescara ci si potrebbe ritagliare un po’ di tempo per andare alla scoperta della Pineta d’Avalos, nota anche con il nome di Pineta Dannunziana.
Per quanto Pescara sia una città di mare e l’Adriatico rappresenti uno dei principali motivi per visitarla, non bisogna dimenticare che questa è una delle riserve naturali protette più affascinanti di tutta la regione. Le sue dimensioni sono contenute, ma quel che più conta è che ospita un eccezionale assortimento di flora e fauna, da ammirare sia in inverno che in estate. Volendo si possono prenotare delle visite guidate, e inoltre nel corso dell’anno si organizzano eventi e laboratori didattici, sia a pagamento che gratuiti.

Piazza della Rinascita
Tornando nel cuore della città, ecco che una passeggiata in Piazza della Rinascita permette di entrare in contatto con il nucleo della vita sociale pescarese. Qui merita di essere vista la scultura dell’Elefante, realizzata da VincentinoMichetti.
La zona è isola pedonale, quindi non si corre il rischio di essere infastiditi dal transito delle auto, né di giorno né di sera: insomma, vale la pena di farci un salto, magari per pranzare o cenare in uno degli ottimi ristoranti a base di pesce oppure per un aperitivo, ma anche solo per conoscere da vicino il tessuto sociale di Pescara.

Il lungomare di Pescara
È d’obbligo, poi, una capatina presso il suggestivo lungomare della città. Quest’ultimo, che è punteggiato da alte palme, in estate diventa il cuore pulsante della vita mondana cittadina, con locali che restano aperti fino all’alba.
Si tratta del luogo ideale, in ogni stagione dell’anno, per passeggiare e per fare sport;vi è inoltre la disponibilità di una pista ciclabile, che da poco è stata rimessa a nuovo e ampliata, consentendo di transitare in bici senza correre il rischio di infastidire i pedoni.

L’ex Aurum
Infine, l’ultima tappa da segnare in agenda, se si ha in mente di scoprire Pescara in un giorno solo, è rappresentata dall’ex Aurum, vale a dire la sede della distilleria omonima in cui in passato si realizzava il liquore tipico della città: l’Aurum, appunto.
Oggi la location è stata riqualificata e ha preso il nome di Fabbrica delle Idee, essendo diventata un contenitore di manifestazioni e di eventi di ogni genere. La distilleria era ospitata in un edificio a forma di ferro di cavallo che – nel corso degli anni Settanta – venne abbandonato, dal momento che la produzione del liquore fu spostata a Città Sant’Angelo, e fino ai primi anni Duemila rimase in stato di decadenza. Per fortuna la struttura è stata poi restaurata, con il suo stile architettonico originale.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!