COVID: 81 NUOVI CASI A L’AQUILA, 31 AD AVEZZANO, LE CITTA’ CON PIU’ CONTAGI E IL PUNTO SUI POSTI LETTO

18 Novembre 2020 18:43

PESCARA – Tra le località abruzzesi con più nuovi casi ci sono L’Aquila, con 81, Teramo (47), Pescara (35), Avezzano (31) e Montesilvano (28). Gli attualmente positivi, 382 in più rispetto a ieri, sono 14.390: 621 pazienti (+31 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 65 (-1) in terapia intensiva.

Nel primo giorno in cui l’Abruzzo entra in zona rossa, sono 641 i nuovi casi di coronavirus accertati con i test delle ultime ore. Sono emersi dall’analisi di 4.600 tamponi: è risultato positivo il 13,93% dei campioni analizzati. Nove i decessi recenti: il bilancio delle vittime sale a 712. Aumentano i ricoveri, che sono 30 più di ieri, per un totale di 686 unità. Il totale regionale dei casi di Covid-19 dall’inizio dell’emergenza ad oggi sale a 21.193. I nuovi positivi hanno età compresa tra uno e 98 anni. Quelli con meno di 19 anni sono 93. I nove decessi recenti riguardano persone di età compresa tra 70 e 90 anni: sei in provincia dell’Aquila, uno in provincia di Pescara e due in provincia di Chieti.

I posti letto di terapia intensiva al momento, nelle 4 Asl, sono 151: ai 94 esistenti già prima dell’emergenza, se ne sono aggiunti 57 previsti dal piano di riordino della rete ospedaliera Covid-19, cinque dei quali attivati negli ultimi giorni. Rispetto ai 66 programmati dal piano, ne mancano all’appello nove, in corso di attivazione. Al momento sui 151 posti disponibili – senza considerare i 29 dell’Ematologia di Pescara e delle cliniche private convenzionate, pure a disposizione in caso di assoluta emergenza – ne sono occupati 65, ovvero il 43%, a fronte di una soglia di allarme pari al 30%.




Gli altri 13.704 positivi (+352) sono in isolamento domiciliare. I guariti sono 6.091 (+250). Del totale dei casi positivi, 6.714 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+260 rispetto a ieri), 4.092 in provincia di Chieti (+104), 4.324 in provincia di Pescara (+124), 5.634 in provincia di Teramo (+123), 207 fuori regione (-1) e 222 (+31) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Dalla mezzanotte l’Abruzzo è in zona rossa. Il presidente di Regione, Marco Marsilio, con l’ordinanza firmata lunedì sera, ha infatti disposto su tutto il territorio le misure previste dall’articolo 3 del Dpcm del 3 novembre. Il provvedimento si è reso necessario alla luce degli ultimi, altissimi, dati. Fortissima, dicono gli addetti ai lavori, la pressione sugli ospedali.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: