COVID: A LANCIANO CRESCE NUMERO POSITIVI, PREOCCUPANO LE SCUOLE, 4 CLASSI IN QUARANTENA

18 Febbraio 2021 16:47

LANCIANO – “Nella tarda serata di ieri la Asl ci ha comunicato la positività al covid19 di 27 concittadini: si tratta di un numero elevato rispetto al trend degli ultimi giorni che porta a 216 il totale degli attualmente positivi in città (l’aumento è contenuto dagli 11 guariti). È il balzo in avanti più consistente in termine di contagi in 24 ore: questo significa che il virus ha ripreso a circolare con forza tra noi, cammina con più velocità sulle nostre gambe ed è molto presente in città”.

A comunicarlo è il sindaco di Lanciano Mario Pupillo: “Anche le quarantene aumentano in maniera sensibile: sono 192 i concittadini in isolamento, di questi 116 hanno meno di 19 anni. Significa che abbiamo diverse classi scolastiche in quarantena, nello specifico: una classe delle superiori e tre classi delle medie. Altre classi in cui ci sono stati dei casi non sono state messe in quarantena dalla Asl, tuttavia seguiamo con attenzione l’evolversi della situazione come ho ripetuto ieri mattina nel tavolo convocato dalla Prefettura”.

“L’attenzione sulle scuole è alta, con l’assessore alla Pubblica Istruzione Giacinto Verna abbiamo un filo diretto aperto con i dirigenti degli istituti comprensivi che incontreremo in videoconferenza oggi per un aggiornamento puntuale sulla situazione. Al momento, le scuole dove si svolge didattica in presenza rimangono aperte: ci riserviamo di valutare, dati ufficiali alla mano, le singole situazioni di caso in caso per provvedimenti che tutelino la salute dei nostri piccoli concittadini, delle loro famiglie e dei lavoratori della scuola”.

“Resta inteso che dobbiamo tutti rispettare le regole della zona rossa e le solite precauzioni: mascherine, igiene delle mani, distanziamento. Non diamo ulteriori occasioni a questo maledetto virus che si diffonde con una velocità preoccupante”, conclude il primo cittadino.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: