COVID ABRUZZO: 42 CASI, UN MORTO E 29 GUARITI.
STABILI INTENSIVE, DATI DA ZONA BIANCA

22 Novembre 2021 15:27

Regione: Sanità

PESCARA – Sono 42 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Abruzzo nelle ultime ore, di età compresa tra 5 e 89 anni, emersi dall’analisi di 1.283 tamponi molecolari e 5.972 test antigenici: il tasso di positività è pari a 0.99%. Il totale dei positivi dall’inizio dell’mergenza sale così a 86.166.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra un nuovo caso e sale a 2.578: si tratta di un decesso avvenuto nei giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 79.869 dimessi/guariti (+29 rispetto a ieri).

91 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 8 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 3.620 (-1 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 22.135 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+15 rispetto a ieri), 21.609 in provincia di Chieti (-3 per riallineamento), 20.451 in provincia di Pescara (+14), 21.140 in provincia di Teramo (+25), 700 fuori regione (+1) e 131 (-10) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Gli attualmente positivi in Abruzzo, calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti, sono 3.719 (+12 rispetto a ieri). Nel totale sono ricompresi anche 716 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche.

Alla luce degli ultimi dati, il tasso di occupazione dei posti letto, in Abruzzo, è al 4% per le terapie intensive e al 7% per l’area non critica, a fronte di soglie da zona gialla rispettivamente del 10 e del 15%.

L’incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti, invece, sale a 104; un dato più alto di 50, unito al superamento delle soglie di allarme dei ricoveri, determina il passaggio in zona gialla.

I parametri, dunque, restano da zona bianca.

A livello territoriale, i numeri più alti si registrano nel Teramano, dove l’incidenza settimanale sale a 152. Segue il Pescarese, dove il dato sale a 106 (solo una settimana fa era a 52). Poi ci sono l’Aquilano, che scende a 94, e il Chietino, dove l’incidenza è ferma a 66.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: