COVID ABRUZZO: DA DOMANI PRENOTAZIONI VACCINI OVER 18. SCUOLE: IN DAD ANCHE CON UN SOLO CONTAGIO

ULTIMO BOLLETTINO: 39 CASI, TRE DECESSI E 174 GUARITI. SOMMINISTRATE 140MILA TERZE DOSI. A COLONNELLA BOOM POSITIVI, IL SINDACO CHIUDE LE SCUOLE

30 Novembre 2021 10:52

Regione: Sanità

L’AQUILA – Sarà attiva da domani (gradualmente dalle ore 10 in poi), la piattaforma Poste per la prenotazione della terza dose della vaccinazione anti Covid 19 per i nati fino al 2003. Lo comunica l’Assessorato alla Sanità.

Intanto una circolare firmata dal dg Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, e dal Capo dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali del ministero dell’Istruzione, Jacopo Greco, stabilisce la Dad anche con un solo contagio.

L’incidenza settimanale è del resto ancora in crescita del numero di nuovi casi di infezione da Sars-CoV-2, in età scolare, pari a 125 per 100.000 abitanti nel periodo 19-25 novembre, “valore ben lontano da quello ottimale di 50 per 100.000, utile per un corretto tracciamento dei casi” per cui si ritiene “opportuno sospendere – provvisoriamente – il programma
di ‘sorveglianza con testing’.

Per quanto riguarda la vaccinazione agli over 18 in Abruzzo: Per prenotarsi basterà collegarsi all’indirizzo https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/ inserendo il proprio codice fiscale e il numero di tessera sanitaria.

Possono prenotare la somministrazione coloro che hanno ricevuto la seconda dose da almeno 5 mesi (o l’unica somministrazione del vaccino monodose).

Sarà possibile procedere alla prenotazione anche contattando il numero verde 800.00.99.66 (attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 20), oppure utilizzando uno dei 270 sportelli Postamat attivi sul territorio regionale (pur senza essere clienti Poste, ma accedendo con la tessera sanitaria). Anche i 630 portalettere in servizio in Abruzzo, attraverso i palmari a loro disposizione, potranno prenotare la vaccinazione.

Per la somministrazione della terza dose verranno utilizzati vaccini a Rna messaggero.

CASI IN ABRUZZO E COPERTURA VACCINALE

Sono 39 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Abruzzo nelle ultime ore, di età compresa tra 10 e 77 anni, emersi dall’analisi di 806 tamponi molecolari e 4.904 test antigenici: il tasso di positività è pari allo 0.68%. Il totale dei positivi dall’inizio dell’emergenza sale così a 87.502.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi – di età compresa tra 69 e 91 anni, tutti residenti in provincia di Teramo – e sale a 2.589.  Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 80.740 dimessi/guariti (+174 rispetto a ieri).

109 pazienti (+3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 10 (+1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 4.054 (-142 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Il tasso di occupazione dei posti letto, in aumento, è al 6% per le terapie intensive e all’8% per l’area non critica, mentre l’incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti è a 104.

Del totale dei casi positivi, 22.274 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+3 rispetto a ieri), 22.011 in provincia di Chieti (-2 per riallineamento), 20.791 in provincia di Pescara (+9), 21.578 in provincia di Teramo (+30), 707 fuori regione (+1) e 141 (-2) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Gli attualmente positivi in Abruzzo, calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti, sono 4.173 (-138 rispetto a ieri).  Nel totale sono ricompresi anche 753 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche.

Sono quasi 140mila le terze dosi di vaccino contro il Covid-19 fino ad oggi somministrate in Abruzzo.

Il dato, stando ai dati ufficiali del Governo aggiornati al pomeriggio, sale a 139.878. Del totale, 43.372 sono state somministrate negli ultimi sette giorni. Il dato è in crescita del 52% rispetto al totale della settimana precedente.

Solo 3.343, invece, le prime dosi somministrate in una settimana, dato comunque in aumento del 32% rispetto ai sette giorni precedenti. I numeri sono aumentati in particolare negli ultimi giorni, dopo la decisione di introdurre il super Green pass per Natale.

Intanto, la copertura vaccinale, ovvero la popolazione che ha completato il ciclo con due dosi o con monodose, è ora all’83,5%. Senza neppure una dose più del 14% degli over 12, cioè oltre centomila persone.

Per quanto riguarda le terze dosi, 47.746 somministrazioni hanno riguardato gli over 80, 27.098 la fascia 70-79 anni, 26.988 quella 60-69 anni, 18.838 la fascia 50-59 anni, 11.458 quella 40-49 anni, 4.995 quella 30-39 anni, 2.645 la fascia 20-29 anni e 116 somministrazioni la fascia 12-19 anni. Per quanto riguarda invece la copertura vaccinale, il dato è all’90% per la fascia di età 70-79 anni. Seguono quella 60-69 (88,8%), quella 20-29 (86,6%), la fascia 50-59 anni (84,3%), gli over 80 (83,4%), la fascia 40-49 anni (80,7%), quella 30-39 anni (79,4%) e quella 12-19 (70,5%).

EMERGENZA A COLONNELLA: SCUOLE CHIUSE

Tornano a salire i contagi e il sindaco chiude l’istituto scolastico (scuola d’infanzia, primaria e secondaria) e anticipando quella degli esercizi pubblici dalle 20.

Uno scenario da zona rossa a Colonnella, comune che conta poco meno di 4mila abitanti nel Teramano, in una situazione che la stessa Asl ha definito “la peggiore d’Abruzzo”.

Per questo il primo cittadino, Biagio Massi, in un videomessaggio diffuso sui social ha comunicato di aver firmato un’ordinanza con cui ha disposto la chiusura delle scuole da domani, martedì 30 novembre, fino al 7 dicembre. Domani inoltre ha annunciato la firma di un secondo provvedimento che riguarda la chiusura degli esercizi commerciali e dei centri commerciali alle 20, esclusi i ristoranti.

Solo due giorni, secondo gli ultimi dati comunicati, i casi di positività erano 51, mentre in sorveglianza sono oltre 80 cittadini.

“Con tristezza sono costretto a questo tipo di avviso perché l’andamento della pandemia peggiora – le parole del sindaco – I vertici della Asl teramana ci hanno riferito che la nostra condizione è probabilmente la peggiore in Abruzzo”.

Massi ha inoltre sottolineato che non si esclude che nei prossimi giorni la Regione possa prendere nuovi provvedimenti disponendo ulteriori restrizioni.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: