COVID: CABINA REGIA, ITALIA SEMPRE PIÙ “GIALLA”. SOLO SICILIA E VAL D’AOSTA “ARANCIONI”

7 Maggio 2021 11:51

ROMA – L’Italia diventa sempre più gialla e nessuna regione dovrebbe essere rossa: la Valle d’Aosta dovrebbe, infatti, diventare arancione. Verso un cambio di colore anche per Calabria, Puglia e Basilicata che dovrebbero passare dall’arancione al giallo. Incerta ancora la situazione per la Sardegna. Le decisioni, sulla base dei dati della cabina di regia Cabina di regia Iss-ministero della Salute sull’andamento dei contagi di coronavirus in Italia, verranno prese dal ministro della Salute Roberto Speranza con le ordinanze delle prossime ore.

Continua però il lieve aumento dell’indice Rt, che sale a 0,89 mentre la scorsa settimana era 0,85.

L’Italia, secondo quanto apprende l’Ansa, avrebbe solo due regioni in arancione: la Sicilia e la Valle d’Aosta. I cambi di fascia partiranno lunedì prossimo.

Sei Regioni e province autonome hanno una classificazione di rischio moderato (di cui una, Calabria, ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane). Le altre 15 Regioni e province hanno una classificazione di rischio basso. Una Regione (Molise) e una Provincia Autonoma (Bolzano) hanno un Rt puntuale maggiore di uno, ma con il limite inferiore sotto l’uno.

Scende il numero di Regioni e Province autonome che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica, evidenzia la bozza del monitoraggio settimanale: si tratta di 5 contro le 8 della settimana precedente.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è sotto la soglia critica (27%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 2.748 (27/04/2021) a 2.423 (04/05/2021).

Il tasso di occupazione in aree mediche scende ulteriormente ed è sotto la soglia critica (29%). Le persone ricoverate passano da 20.312 (27/04) a 18.176 (04/05).

Sale anche questa settimana l’indice di contagio del coronavirus in Italia che passa dallo 0.85 della scorsa settimana a 0.89. E’ questo il valore che, secondo quanto si apprende, stanno valutando gli esperti della cabina di regia. L’incidenza secondo gli ultimi calcoli sarebbe ancora in discesa dal valore 146 registrato nel monitoraggio della scorsa settimana, arrivando ora a 127.

“La prima cosa da superare oggi, vista anche la situazione contingente, è l’indice rt che oggi andiamo a valutare”, ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, che lo ritiene poco affidabile, intervenendo a Sky Tg24. In alternativa, per Fedriga “un indice da tenere in considerazione è il rt ospedaliero: fa capire se aumentano o diminuiscono le richieste di ospedalizzazione ed è un indicatore che può dare segnale importante, e che non dà una visione distorta”. Poi ancora: “Avremo un confronto come Regioni con il Commissario Figliuolo” per verificare la possibilità che a una persona vaccinata con la prima dose possa essere somministrata la “seconda dose in vacanza. Stiamo vedendo se è possibile organizzare questo, stiamo lavorando ma siamo di fronte alla campagna più grande della storia dell’umanità. Molte cose si possono risolvere, altre sono molto difficili, qualche disagio può esserci”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: