COVID: DA DOMANI SCATTA L’OBBLIGO DEL GREEN PASS,
OGGI DECISIONE SU PERSONALE SCUOLA

5 Agosto 2021 08:54

Regione: Cronaca

L’AQUILA – Da domani scatta l’obbligo del green pass  per ristoranti e bar al chiuso, cinema, teatri, piscine, palestre, congressi ed eventi, parchi tematici e di divertimento, musei – mentre per salire su treni, aerei e navi dovrebbe partire dal 1° settembre. Stamattina la cabina di regia politica si riunisce in vista del nuovo decreto atteso nel pomeriggio in Consiglio dei ministri e contenente ulteriori misure a partire dall’estensione del certificato anche per i trasporti a lunga percorrenza – esclusi autobus e metropolitane del trasporto pubblico locale.

l green pass potrebbe essere obbligatorio per il personale scolastico: i lavoratori che, alla data stabilita, non avranno i requisiti per ottenere il green pass verranno adibiti ad altre mansioni che non comportino contatti con studenti o con altre persone.

Su questo registriamo la contrarietà della Lega con diversi esponenti che parlano di obbligo camuffato, ma Pd, Forza Italia e Leu sono favorevoli. Dunque, salvo clamorosi colpi di scena, il green pass sarà obbligatorio per docenti e Ata. Il governo punta su questo per vincere la resistenza degli indecisi sulla vaccinazione.

Il green pass per la scuola potrebbe essere ottenuto anche con un tampone effettuato ogni 48 ore e su questo pare ci possa essere accordo per l’introduzione di prezzi calmierati: il prezzo potrebbe scendere fino a 6-7 euro.  Attualmente il costo per un tampone oscilla tra i 15 e i 40 euro a seconda della Regione in cui lo si effettua. Per alcune categorie, come per esempio i minori, il prezzo potrà scendere ulteriormente grazie a un contributo dello Stato.

Sulla riapertura delle scuole, invece, l’obiettivo del governo è riaprirle tutte in presenza. Se una regione dovesse entrare in zona rossa o arancione sarà il governo a decidere se chiudere gli istituti e far continuare le attività con la Dad. Pare che siano in arrivo 200 milioni di euro da destinare agli enti locali per l’edilizia scolastica.

Ieri la Piattaforma nazionale-DGC per l’emissione delle Certificazioni verdi COVID-19, registrava 61 milioni di certificazioni verdi emesse dal suo avvio, con quasi 48,3 milioni di queste già scaricate dai cittadini attraverso i diversi canali.

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”.

Da domani sarà l’unico lasciapassare per poter accedere alle seguenti attività: servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso; spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi; musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre; piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; sagre e fiere, convegni e congressi; centri termali, parchi tematici e di divertimento; centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; concorsi pubblici.

La Certificazione dovrà attestare di aver fatto almeno una dose di vaccino oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti oppure di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

La Certificazione non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base d’idonea certificazione medica.

Bar e ristoranti
Per bar, ristoranti, pub e tutti gli altri servizi di ristorazione, sarà obbligatorio l’accesso con il green pass solamente al chiuso e per il consumo al tavolo.

Cinema, teatri e musei

Il green pass dal 6 agosto sarà obbligatorio anche per tutti i luoghi della cultura, dalle mostre ai musei, ma anche per cinema e teatri. In ogni caso il personale all’ingresso dovrà controllare che chi entra abbia la certificazione verde

Spettacoli all’aperto ed eventi sportivi

Spettacoli all’aperto e grandi eventi sportivi sono permessi sia all’aperto che al chiuso, con una capienza fino al 50% in zona bianca. Ma attenzione: anche in questo caso servirà il green pass.

Palestre e piscine

Il green pass sarà necessario anche per accedere a palestre e piscine al chiuso, ma non solo: certificazione verde obbligatoria anche per i centri benessere e i centri termali.

Sagre, fiere e parchi divertimento

La certificazione verde sarà obbligatoria in tutti quei luoghi che, all’aperto o al chiuso, creano un grande assembramento di persone. Perciò il green pass sarà necessario, dal 6 agosto, anche per sagre, fiere, congressi, parchi divertimento e parchi a tema, ma anche centri sociali, culturali e ricreativi.

Sale gioco, scommesse, bingo e casinò

Anche nel caso delle sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò, all’attività all’interno può accedere solamente chi ha il green pass, che verrà controllato dal personale all’ingresso.

Concorsi pubblici

Per far ripartire tutti i concorsi pubblici in sicurezza, il governo ha deciso di includerli tra le attività per cui è necessario il green pass dal 6 agosto. Il QR code sarà verificato prima di accedere per sostenere le prove.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: