COVID, DA ORTONA MOZIONE PER ZONE GIALLE: “RISTORI INADEGUATI”

9 Aprile 2021 11:24

ORTONA- Ristoratori e imprenditori turistici hanno investito in sicurezza e ora sono costretti alla chiusura: è l’allarme lanciato dal consigliere comunale di Ortona Angelo Di Nardo, capogruppo per Fratelli d’Italia, Lega, Libertà e Bene Comune per Ortona che ha presentato una mozione per sollecitare il ripristino delle “zone gialle”.

“Tanti, veramente tanti i soldi che commercianti e titolari di attività turistiche e di ristorazione hanno investito per adeguare le strutture alle esigenze dettate dalle normative anticontagio. È necessario che anche le amministrazioni locali facciano la loro parte, a garanzia di tante persone che garantiscono ricchezza e lavoro nei territori”.

“Si chiama Decreto Sostegni – continua Di Nardo – ma non dà effettivo sostegno a chi ha subito perdite importanti, prevedendo ristori totalmente inadeguati. Ad esempio, un’attività che ha perso il 60% del fatturato di euro otterrà 3.000 euro una sola volta, o ancora, un’attività che fatturava 1 milione di euro con una perdita di 500.000 otterrà circa 15/16.000 euro. Dopo oltre un anno, una categoria che assicura il 15% del Pil nazionale assiste a una nuova modifica dei criteri per contenere il contagio da parte del Governo. Dobbiamo essere presenti al fianco di tutti i titolari di queste attività – conclude Di Nardo – A tutti gli imprenditori del turismo e della ristorazione esprimiamo la nostra solidarietà: saremo la loro voce, con la speranza che tutte le forze politiche e civiche presenti in consiglio comunale votino favorevolmente la nostra mozione”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: