COVID: DIDATTICA A DISTANZA, “RAGAZZI PIU’ A RISCHIO SINDROME CAPANNA”

23 Novembre 2020 16:29

ROMA – “Senza la scuola in presenza, a cui si somma l’impossibilità di praticare sport e di vedere amici, i ragazzi sono a rischio di diventare sedentari, perdere motivazione o sviluppare anche stati depressivi. E la sindrome della capanna, quella per cui si tende a stare in casa percependola come un luogo sicuro, a differenza dell’esterno che viene percepito come un pericolo, è uno dei rischi in agguato della didattica a distanza. Al mattino ci si collega per lunghe ore al pc, con difficoltà a mantenere l’attenzione, il pomeriggio si rimane sempre a casa a guardare la tv o a giocare alla consolle. Anche il rendimento può calare fino al 50% in meno, in particolare nei più giovani, come dimostrato da uno studio olandese condotto su bambini tra i 7 e i 12 anni”.

Questo il quadro delineato all’Ansa dalla psicologa e psicoterapeuta Anna Oliverio Ferraris.




“Ci si abitua a fare questo tipo di vita così sedentaria e statica, e quando poi magari si potrà uscire i ragazzi non saranno nemmeno motivati a farlo – spiega Ferraris – Alcuni di loro si convincono che l’esterno sia un pericolo, una minaccia. Questo l’abbiamo già constatato con il primo lockdown, con i ragazzini che non volevano più uscire perché ormai si erano abituati a stare in casa. Poi c’è da dire che i ragazzi perdono i contatti con gli amici abituandosi semmai a contattarli per via virtuale. Non li si può lasciare un intero anno in queste condizioni”. “Bisognerebbe fare uno sforzo – conclude l’esperta – per fare andare i ragazzi a scuola almeno qualche ora alla settimana. Ad esempio un 60% a casa con la dad e un 40% a scuola in modo che non ci sia un distacco totale. Almeno prima di Natale si potrebbero prevedere un paio di giorni di ritorno a scuola in cui gli studenti si vedano con gli insegnanti, magari con la scusa di scambiarsi gli auguri, in modo da non lasciarli troppo isolati per periodi troppo lunghi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©




Ti potrebbe interessare:

Gli articoli più letti in queste ore: