COVID L’AQUILA: DUE GIORNI PER DECIDERE SU SCUOLE, PIANO PER ATTIVITA’ E RAFFORZAMENTO MEDICINA TERRITORIALE, IL PUNTO DEL SINDACO

22 Ottobre 2020 21:55

L’AQUILA – Due giorni per valutare la possibilità di procedere con la Didattica a distanza per i ragazzi delle scuole superiori, un piano a sostegno delle attività economiche e il rafforzamento della Medicina territoriale.

Sono tra i temi discussi nel corso del Comitato ristretto dei sindaci della Asl aquilana, che si è tenuto questa mattina alla presenza dei vertici aziendali, del confronto con le istituzioni scolastiche nel pomeriggio e con i rappresentanti aquilani degli organi amministrativi di Giunta e Consiglio regionale.

A riferire gli esiti degli incontri il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, in un videomessaggio: “Quella appena trascorsa è stata una giornata molto intensa dal punto di vista degli approfondimenti legati all’emergenza Coronavirus e alla risalita della curva di contagio in tutta la provincia ed in particolar modo nella città dell’Aquila che ha conosciuto di nuovo oggi un numero consistente di soggetti risultati positivi al Coronavirus”.

Il tema su cui si è concentrata l’attenzione, spiega Biondi, “è ancora una volta quello del rafforzamento della medicina territoriale, quindi il ruolo dei medici di base, pediatri di libera scelta e il sistema di prevenzione, che è quello chiamato ad assistere i soggetti positivi ed i contatti stretti nel sistema di tracciamento e nell’effettuazione dei tamponi”.

CORRETTA COMUNICAZIONE

“Vorrei fare una volta per tutte chiarezza rispetto alle misure che il Sistema sanitario nazionale ha previsto di adottare a seconda della tipologia dei casi e che sono riassunti in una circolare del Ministero della Salute del 12 ottobre”.

– Casi positivi asintomatici: hanno l’obbligo di stare in isolamento per un periodo di 10 giorni dalla comparsa della positività al termine del quale risulti eseguito un test molecolare negativo.

– Casi positivi sintomatici: devono passare un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo dopo almeno 3 giorni senza sintomi.




– Casi positivi a lungo termine, coloro che non si negativizzano in un tempo ridotto: in assenza di sintomatologia possono interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi, purché ci sia assenza di sintomi da almeno una settimana.

– Contatti stretti degli asintomatici, cioè coloro che non sono risultati positivi ma sono stati a contatto stretto con un caso positivo: devono osservare un periodo di quarantena di 14 giorni da quando sono venuti a contatto con un contagiato, anche in assenza di un tampone; oppure dopo un periodo di 10 giorni con un test negativo.

SCUOLE

“Attenderemo di conoscere l’andamento epidemiologico di domani e dopodomani per decidere nel fine settimana eventuali misure riguardanti i ragazzi delle superiori, con formule di didattica a distanza a rotazione, per prevenire gli assembramenti che si verificano alle fermate dell’autobus o all’entrata e all’uscita della scuola”.

RAFFORZAMENTO MEDICINA DEL TERRITORIO, RISORSE UMANE ED INFRASTRUTTURE, SOSTEGNO ATTIVITA’ ECONOMICHE

“Questa sera ci siamo visti con i rappresentanti regionali del territorio aquilano e abbiamo condiviso la necessità di fare massa critica unica, al di là delle sensibilità e delle appartenenze partitiche per costituire un baluardo a difesa della città dell’Aquila”.

“Questo si traduce nell’impegno al rafforzamento della Medicina del territorio, implementazione risorse umane ed infrastrutture a servizio del contrasto al Covid e attraverso un appello alla città al rispetto delle regole, all’attenzione e comportamenti consoni e verrà studiato un piano di sostegno alle attività economiche che temiamo vadano verso un periodo di grossa difficoltà”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: